Skip to content

Economie senza denaro. Una tipologia semiotica di Banche del Tempo

Gratis L'indice di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
<br><b>Introduzione</b><br/> <br/><b>Capitolo I. Tracciati di semio-economia</b> <br/> 1. Perch&eacute; la semiotica dell'economia?<br/> 2. Principi di una semio-economia d'ispirazione foucaultiana: un chiarimento terminologico<br/> 3. Dacrema e la morte del denaro: nuove prospettive per la semiotica del discorso economico<br/> 3.1. La rivoluzione epistemica di un'''economia senza denaro'': difetti dello strumento monetario classico<br/> 3.2. Pars construens: i princ&igrave;pi di nuova economia, e gli scenari aperti dalla morte del denaro.<br/> 3.2.1. Alcuni principi di nuova economia. La nuova teoria del valore, soggettivo e irriducibile al parametro quantitativo<br/> 3.2.2 Condivisione sociale delle prestazioni valutative<br/> 3.2.3. Diversa aspettualizzazione dei processi di scambio: ordine di piccolo cabotaggio e disordine creativo<br/> 3.2.4. Il gesto lavorativo e la dimensione estetica: l'orizzonte di una fusione tra economia e non-economia<br/> <br/><b>Capitolo II. Economie senza denaro: la costruzione di un oggetto teorico. Riflessioni preliminari a una tipologia semiotica di Banche del Tempo italiane</b> <br/> 1. Le Banche del Tempo nella percezione comune: rappresentazione sintetica di un'idea semplice.<br/> 2. Un piano di lavoro, per cominciare<br/> 3. Caratteristiche di massima dei ''sistemi di scambio locale''. <br/> 3.1. Tra dono e mercato: libert&agrave; dei trasferimenti e attesa del ritorno.<br/> 3.2. La cultura della reciprocit&agrave;.<br/> 3.2.1. I sistemi di attese e l'immaginario economico<br/> 3.2.2. Aspettualizzazione dei processi di scambio: una prima considerazione<br/> 3.3. La produzione di capitale sociale e di ricchezza relazionale.<br/> 3.3.1. Capitale sociale e armonizzazione dei tempi della vita<br/> 3.3.2. Rimessa in circolo di competenze nascoste e socializzazione di saperi femminili<br/> 3.3.3. Capitale sociale come forma di benessere non contabilizzabile<br/> 3.3.4. Una possibile forma di contabilizzazione e rappresentazione del capitale sociale: il fondo comune<br/> 3.4. La negazione dell'interesse.<br/> 3.5. Il carattere democratico, orizzontale e paritario delle relazioni intersoggettive.<br/> 3.5.1. Autogestione e istituzionalizzazione: i modelli organizzativi pi&ugrave; frequenti<br/> 3.5.2. Simmetria e orizzontalit&agrave; dei rapporti, trasparenza e circolazione dell'informazione<br/> 4. Le esperienze straniere.<br/> 4.1. I capostipiti dell'economia non monetaria: i LETS.<br/> 4.2. Le altre esperienze europee.<br/> 4.2.1. I NES in Francia<br/> 4.2.2. In Germania<br/> 4.3. Esperienze extra-europee.<br/> 4.3.1. Le Ore di Ithaca<br/> 4.3.2. Time Dollars<br/> 4.3.3. La Red de Trueque in Argentina<br/> 4.3.4. I SEC in Senegal: la ''moneta fondante''<br/> 5. Invarianti del campo dell'economia senza denaro.<br/> 5.1. ''Monnaie'' e ''argent''.<br/> 5.2. Monete come ''informative''.<br/> 5.3. Sinossi delle invarianti dell'economia senza denaro<br/> 5.4. Casi limite.<br/> 6. Le Banche del Tempo: la ''variante italiana'' dell'economia senza denaro<br/> 6.1. Banche del Tempo: le caratteristiche specifiche del ''modello italiano'' di ''economia senza denaro''.<br/> 6.1.1. Gli strumenti basici di funzionamento<br/> 6.1.2. Equiparazione del valore delle prestazioni e limitazione della gamma delle offerte<br/> 6.1.3. Scarsissima tendenza all'innovazione: l'asfittico panorama delle BdT rispetto alla teoria del valore<br/> 6.1.4. Nessuna innovazione sui meccanismi di movimentazione della ricchezza<br/> 6.1.5. Comunicazione e relazioni intersoggettive tra i membri delle BdT: il nodo della ''presenza fisica''<br/> 6.1.6. Organizzazione e gestione delle BdT: indipendenza o autonomia?<br/> 6.1.7. Atto costitutivo e Statuto: la definizione formale di una Banca del Tempo<br/> 6.2. L'Associazione Nazionale delle Banche del Tempo.<br/> 6.2.1. Breve storia di Tempomat<br/> 6.2.2. Un censimento delle Banche del Tempo, oggi<br/> 6.3. Sinossi delle caratteristiche del ''modello italiano'' di BdT.<br/> 7. Assi di semantizzazione come prospettive di tipologizzazione delle Banche del Tempo italiane.<br/> 7.1. Che cos'&egrave;, tuttavia, lo sguardo semiotico? Quali strumenti usa? Per cosa si caratterizza?<br/> 7.2. Come delimitare il ''testo'' quando coincide con un universo di pratiche, attori, e situazioni sociali?<br/> 7.3. La ''griglia'' sociologica e i criteri semiotici di indagine<br/> 7.3.1. L'identificazione della BdT come attante collettivo<br/> 7.3.2. Attante collettivo e attori individuali<br/> 7.3.3. La circolazione delle ricchezze<br/> 7.3.4. Strumenti operativi e pubblicizzazione<br/> 7.4. La ''maschera'' semiotica d'indagine.<br/> 8. Le Banche prescelte<br/> <br/><b>Capitolo III. Analisi semiotica dell'attivit&agrave; de ''La Danza delle Ore'' di Firenze</b> <br/> 1. Si parte da Firenze.<br/> 2. L'identificazione della BdT come attante collettivo: i parametri d'indagine.<br/> 3. Attante collettivo e attori individuali.<br/> 4. La circolazione delle ricchezze.<br/> 5. Strumenti operativi e pubblicizzazione.<br/> 6. Analisi semiotica del funzionamento e del ''posizionamento'' della BdT ''La Danza delle ore''.<br/> 6.1. I problemi semiotici nell'identificazione della BdT come attante: cos'&egrave; il ''volere collettivo''?<br/> 6.2. Gli oggetti di valore: una ''clot&ucirc;re semantica'' del programma narrativo della BdT.<br/> 6.2.1. Gli obiettivi generali e riconoscibili<br/> 6.2.2. L'individuazione di obiettivi pi&ugrave; specifici: la ''natura soggettiva'' de ''La Danza delle Ore'' &egrave; data dalla composizione della sua utenza<br/> 6.2.3. La circolazione del sapere, e la creazione di sapere condiviso come investimento semantico specifico dell'oggetto del ''volere collettivo'' nella Bdt ''La Danza delle Ore''<br/> 6.2.4. I PN soggettivi<br/> 6.3. Incassamento dei programmi narrativi della BdT, e strumentalit&agrave; del quadro normativo.<br/> 6.4. Ancora sulle regole: il quadro normativo tra l'operato dell'attante collettivo e l'azione degli attanti individuali.<br/> 6.5. Le altre componenti della batteria di modalit&agrave; della BdT come attante collettivo: il potere e il sapere.<br/> 6.5.1. Il potere come ''massa critica''<br/> 6.5.2. Il sapere come capacit&agrave; gestionale e organizzativa<br/> 6.6. Il fondo ore. Elementi di contabilizzazione del valore, e rappresentazione del capitale sociale.<br/> 7. Considerazioni conclusive: il soggetto e la sua definizione.<br/> <br/><b>Capitolo IV. Analisi semiotica dell'attivit&agrave; di ''Momo'' di Bologna</b> <br/> 1. ''Momo'', una BdT ''politica''.<br/> 2. L'identificazione della BdT come attante collettivo: i parametri d'indagine.<br/> 3. Attante collettivo e attori individuali.<br/> 4. La circolazione delle ricchezze.<br/> 5. Strumenti operativi e pubblicizzazione.<br/> 6. Analisi semiotica del funzionamento e del ''posizionamento'' della BdT ''Momo''.<br/> 6.1. L'attante collettivo ''Momo'' e la filiazione dallo spazio XM24: la catena dei Destinanti.<br/> 6.1.1. Il piano dell'espressione fisica e quello del contenuto culturale dello spazio enunciato XM24<br/> 6.1.2. La risemantizzazione di XM24, tra le tracce del passato e la morfologia dei luoghi<br/> 6.1.3. I processi azionali dell'attore spazio e dei suoi frequentatori<br/> 6.1.4. Il ''mandato'' di XM24 ai suoi frequentatori, e la specificazione delle poste politiche<br/> 6.2. La delega dei meta-Destinanti: la specificazione del volere collettivo, e un programma per ''Momo''.<br/> 6.2.1. Il PN di base: la costruzione di una rete relazionale definita da forme e contenuti nuovi della comunicazione politica, prima ancora che da un nuovo modo di scambiare<br/> 6.2.2 Il confronto col PN di XM24, e l'anti-disciplina di ''Momo'' come soggettivit&agrave; molecolare<br/> 6.3. L'architettura dei programmi narrativi incassati.<br/> 6.4. La competenza modale di ''Momo'': dopo il volere collettivo, il potere.<br/> 6.5. Il sapere di ''Momo'': il complesso degli accorgimenti organizzativi.<br/> 6.6. I PN ''economici'' soggettivi degli attanti individuali, e la natura politica di ''Momo''.<br/> 7. Considerazioni conclusive su ''Momo'', i movimenti tattici e il livello molecolare.<br/> <br/><b>Capitolo V. Analisi semiotica dell'esperienza della Rete Economica Locale di Reggio Emilia</b> <br/> 1. La Rete Economica Locale di Reggio Emilia, una BdT ''economica''.<br/> 2. L'identificazione della BdT come attante collettivo.<br/> 3. Attante collettivo e attori individuali.<br/> 4. La circolazione delle ricchezze.<br/> 5. Strumenti operativi e pubblicizzazione.<br/> 6. Analisi semiotica del funzionamento e del ''posizionamento'' della R.E.L. di Reggio Emilia<br/> 6.1. L'attante collettivo Coop Mag 6: i programmi narrativi, gli obiettivi economico-sociali, e il rifiuto della logica del profitto.<br/> 6.2. L'anti-utilitarismo di Mag 6 e il discorso della decrescita come foucaultiano ''campo di dispersione''<br/> 6.3. L'architettura dei programmi narrativi e l'identit&agrave; della REL: il marchio ''economico'', l'opposizione all'economia monetaria, il riferimento alla comune matrice della ''decrescita''.<br/> 6.3.1. Il pagamento misto e il PN d'uso della REL<br/> 6.3.2. La matrice della decrescita come orizzonte comune a REL e Coop Mag 6<br/> 6.3.3. L'appetibilit&agrave; dell'affiliazione soggettiva alla REL: schema riassuntivo dei PN incassati<br/> 6.4. La competenza modale dell'attante collettivo REL.<br/> 6.4.1. Il volere dell'attante collettivo REL<br/> 6.4.2. Il potere dell'attante collettivo REL<br/> 6.4.3. Il sapere dell'attante collettivo REL<br/> 6.5. Lo scambio dei beni: ''aste del tempo'' e ''libera contrattazione del valore''.<br/> 6.5.1. La circolazione dei beni-oggetto nelle esperienze straniere<br/> 6.5.2. L'ancoraggio al tempo e il valore d'uso: i principi della REL nella valorizzazione dei beni-oggetto<br/> 6.5.3. La ''libera contrattazione'' e le circostanze di produzione del valore<br/> 6.5.4. Le ''aste del tempo'' come circostanze collettive e rituali di produzione del valore<br/> 6.5.5. I beni scambiati: dalle circostanze di produzione del valore a quelle di produzione degli oggetti<br/> 6.6. Un tentativo di spiegazione semiotica delle ragioni dell'insuccesso.<br/> 7. La REL e il potenziale crescente di contestazione verso le BdT italiane e l'economia monetaria.<br/> <br/><b>Capitolo VI. Analisi semiotica dell'esperienza dell'ASSEM Sistema di Reciprocit&agrave; Indiretta di Martano (Lecce)</b> <br/> 1. L'ASSEM di Martano, un esempio di BdT ''filosofica''.<br/> 2. L'identificazione della BdT come attante collettivo<br/> 3. Attante collettivo e attori individuali.<br/> 4. La circolazione delle ricchezze<br/> 5. Strumenti operativi e pubblicizzazione<br/> 6. Analisi semiotica del funzionamento e del ''posizionamento'' del Sistema di Reciprocit&agrave; Indiretta dell'ASSEM di Martano.<br/> 6.1. Il Sistema di Scambio Locale: storia di una falsa partenza.<br/> 6.2. Dal Sistema di Scambio Locale al Sistema di Reciprocit&agrave; Indiretta: le basi di una palingenesi.<br/> 6.3. L'architettura dei programmi narrativi del Sistema di Reciprocit&agrave; Indiretta: il marchio ''filosofico'' come frutto della posizione di assoluta strumentalit&agrave; della riflessione sui criteri di valorizzazione<br/> 6.3.1. Il ''grado di libert&agrave; del gesto di donazione'': la produzione soggettiva del valore, e il dono libero come occasione per il manifestarsi di legami emozionali<br/> 6.3.2. Il dono libero e i meccanismi di circolazione degli oggetti di valore nel settore della reciprocit&agrave;: la modalizzazione dei comportamenti economici come regola di formazione degli enunciati del discorso economico<br/> 6.3.3. Il ''grado di soddisfazione'' rispetto al gesto di donazione: tutela della prestazione valutativa del soggetto, e ispezione di aspetti qualitativi non computabili dal denaro, nella formazione del valore economico<br/> 6.3.4. Considerazioni conclusive sulla dimensione estesico-patemica convocata dalla base soggettiva del valore<br/> 6.3.5. Schema riassuntivo dei PN incassati: una nuova teoria del valore al servizio della misurazione della qualit&agrave; della vita<br/> 6.4. La competenza modale dell'attante collettivo SRI ''Il Tempo Ritrovato''.<br/> 6.4.1. Il volere dell'attante collettivo SRI ''Il Tempo Ritrovato''<br/> 6.4.2. Il potere dell'attante collettivo SRI ''Il Tempo Ritrovato''<br/> 6.4.3. Il sapere dell'attante collettivo SRI ''Il Tempo Ritrovato''<br/> 6.5. Un tentativo di spiegazione semiotica delle ragioni del fallimento. Un insuccesso patemico?<br/> 7. Il Sistema di Reciprocit&agrave; Indiretta e i nuovi criteri di formazione del valore: linee di fuga per una ridefinizione del modello italiano di BdT, e delle regole dell'economia monetaria.<br/> <br/><b>Capitolo VII. Una tipologia semiotica di Banche del Tempo. Argomenti conclusivi per una semiotica del discorso economico</b> <br/> 1. Le ragioni di una tipologia semiotica.<br/> 2. Il mapping tipologico, e le linee di fuga del discorso economico<br/> 2.1. ''La Danza delle Ore'' di Firenze: la nuova definizione del soggetto.<br/> 2.2. ''Momo'': i rapporti intersoggettivi e la costruzione di una nuova comunit&agrave; politica.<br/> 2.3. La ''Rete Economica Locale'': nuovi meccanismi di circolazione degli oggetti di valore.<br/> 2.4. Il Sistema di Reciprocit&agrave; Indiretta: prospettive soggettive di formazione del valore.<br/> 3. La tipologia semiotica come mapping: suggerimenti di lettura.<br/> <br><b>Appendici</b><br/> Appendice 1 - ''La Danza delle Ore'' (Firenze)<br/> Appendice 2 - ''Momo'' (Bologna)<br/> Appendice 3 - ''Rete Economica Locale'' (Reggio Emilia)<br/> Appendice 4 - ''Sistema di Reciprocit&agrave; Indiretta - ASSEM'' (Martano - Lecce)<br/> <br/><b>Bibliografia</b> <br/>
Indice della tesi: Economie senza denaro. Una tipologia semiotica di Banche del Tempo, Pagina 1

Indice dalla tesi:

Economie senza denaro. Una tipologia semiotica di Banche del Tempo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Bernardo Marucci
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Teoria della comunicazione
  Relatore: Giovanna Cosenza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 418

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi semiotica
banca del tempo
banche del tempo
circuiti locali di scambio
dacrema
decrescita
denaro
discorso economico
dono
economia
formazioni discorsive
foucault
reciprocità
semio-economia
semiotica
semiotica dei consumi
semiotica del denaro
semiotica dell'economia
sistemi non monetari
sociosemiotica
teoria del valore
tipologia
valenza
valore economico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi