Skip to content

Tecniche antisismiche moderne e metodi di calcolo strutturale per la protezione dei beni storico monumentali: il caso della torre di Palazzo Marchesale a San Giuliano di Puglia

Gratis L'indice di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Indice della tesi: Tecniche antisismiche moderne e metodi di calcolo strutturale per la protezione dei beni storico monumentali: il caso della torre di Palazzo Marchesale a San Giuliano di Puglia, Pagina 1
Tecniche antisismiche moderne e metodi di calcolo strutturale per la protezione dei beni storico 
monumentali: il caso della torre di Palazzo Marchesale a San Giuliano di Puglia 
 
INDICE 
 
CAPITOLO 1 – INTRODUZIONE 21
____________________ 
CAPITOLO 2  
IL TERREMOTO DI SAN GIULIANO DI PUGLIA 
27
2.1 - Caso di studio: San Giuliano di Puglia 27
2.1.1 - Il terremoto del 31 ottobre 2002 27
2.1.1.1 - Cronaca dell'evento  30
2.1.2 - La pericolosità sismica a San Giuliano di Puglia 35
2.1.3 - La sismicità storica 37
2.2 - Lo studio di microzonazione sismica 43
2.2.1 – Introduzione 43
2.2.2 - Valutazione del moto sismico di riferimento 45
2.2.3 - Assetto geologico e geomofologico del sito e delle 
zone soggette ad instabilità di versante 
46
2.2.4 - Caratteristiche geotecniche dei terreni di interesse per 
la determinazione della risposta dinamica dei terreni 
50
2.2.5 - Individuazione sperimentale delle amplificazioni 
dell’azione sismica sulla base di registrazioni effettuate 
durante gli aftershocks 
52
2.2.5.1 - Analisi dei dati 53
2.2.5.2 - Analisi dei risultati 53
2.2.6 - Fattori di amplificazione 56
2.2.7 - Modellazione numerica degli effetti di amplificazione 
del moto sismico in superficie 
59
2.2.7.1 - Sezioni di riferimento 61
INDICE 
5

Università degli Studi di Ferrara  
2.2.7.2 - Confronto risultati modello – registrazioni 61
2.2.7.3 - Calcolo dell’amplificazione per il terremoto di riferimento 63
2.3 - Rilevamento del danno e analisi di vulnerabilità 69
2.3.1 - La Scheda di 1° livello di rilevamento danno, pronto 
intervento e agibilità per edifici ordinari nell’emergenza post-
sismica (AeDES) 
69
2.3.1.1 - Gli obiettivi della Scheda AeDES 71
2.3.1.2 - Il giudizio di agibilità 72
2.3.2 - Analisi del danno prodotto tramite i rilievi AeDES 74
2.3.3 - Le attività di emergenza e post-emergenza 76
2.3.4 - Risultati dei rilievi del GTS-SG 80
2.3.5 - Altri studi sull’analisi della vulnerabilità di San Giuliano 88
2.3.5.1 - Il software MEDEA 89
2.3.5.2 - Confronto fra i meccanismi Medea e quelli rilevati 92
2.3.5.3 - Analisi statistica dei meccanismi di danno 98
2.3.5.4 - Analisi dei meccanismi per classi di vulnerabilità 99
2.3.5.5 - Tipologie verticali 102
2.3.5.6 - Tipologie orizzontali 103
2.3.5.7 - Scenario di danno 105
2.3.5.8 - Danno rilevato nel centro abitato di San Giuliano 106
2.3.5.9 - Confronto tra danno stimato e danno rilevato 108
2.3.5.10 - Valutazione globale del danneggiamento 109
2.4 - La ricostruzione di San Giuliano di Puglia 110
2.4.1 – Il piano di ricostruzione 110
_______________________ 
Dottorato in Scienze dell’Ingegneria – XIX ciclo – Riccardo Cami 
6

Tecniche antisismiche moderne e metodi di calcolo strutturale per la protezione dei beni storico 
monumentali: il caso della torre di Palazzo Marchesale a San Giuliano di Puglia 
 
CAPITOLO 3    
TORRE DI PALAZZO MARCHESALE – STUDIO DELLO STATO 
DI FATTO 
113
3.1 - Cenni storici 113
3.1.1 - Ipotesi di cronologia costruttiva  118
3.2 - La Torre del Palazzo Marchesale 123
3.3 - Rilievo geometrico 126
3.4 - Sistema strutturale 138
3.4.1 - Opere provvisionali 139
3.4.2 - Tessitura muraria 139
3.4.3 - Quadro fessurativo e crolli 143
3.5 - Caratteristiche degli elementi strutturali 145
3.6 - Repertorio fotografico 152
3.7 - Campagna diagnostica 169
3.7.1 - Attività diagnostiche (prima campagna) 169
3.7.2 - Risultati delle indagini 171
3.7.2.1 - Indagini georadar 171
3.7.2.2 - Prove con penetrometro Windsor 172
3.7.2.3 - Indagini endoscopiche 173
3.7.3 - Attività diagnostiche (seconda campagna) 176
3.7.4 - Ubicazione indagini svolte 178
3.7.5 - Indagini soniche sulle strutture  182
3.7.5.1 -  Risultati delle misure soniche  182
3.7.6 - Sondaggi a carotaggio e rilievi con sonda televisiva in 
foro  
188
INDICE 
7

Università degli Studi di Ferrara  
3.7.6.1 - Risultati ottenuti  189
3.7.7 - Indagini con sonda endoscopica  202
3.7.7.1 - Risultati  202
3.7.8 -  Rilievo di particolari strutturali 205
3.7.9 - Prova di assorbimento 214
3.7.9.1 - Indagini soniche di confronto 215
3.7.9.2 - Carotaggi di confronto 219
3.7.9.3 - Osservazione dei risultati  220
3.7.10 - Prelievo ed analisi di campioni di malta  221
3.7.11 - Prove con martinetti piatti  226
3.7.11.1 - Risultati ottenuti  227
3.7.12 - Prove locali a taglio 238
3.7.12.1 - Risultati ottenuti  238
3.8 - Rilievo delle vibrazioni ambientali 242
3.8.1 - Introduzione 242
3.8.2 - Esecuzione delle prove 243
3.8.3 - Risultati delle misure velocimetriche 243
3.8.3.1 - Time histories 245
3.8.3.2 - Densità spettrali di potenza (PSD) 246
3.9 - Conclusioni 247
______________________ 
CAPITOLO 4 - MODELLI DI CALCOLO 249
4.1 - Materiali - definizione delle proprietà meccaniche 251
4.1.1 - Livelli di Conoscenza 253
4.1.2 - Murature consolidate 255
Dottorato in Scienze dell’Ingegneria – XIX ciclo – Riccardo Cami 
8

Tecniche antisismiche moderne e metodi di calcolo strutturale per la protezione dei beni storico 
monumentali: il caso della torre di Palazzo Marchesale a San Giuliano di Puglia 
 
4.1.3 - Parametri meccanici delle murature  – modello non 
consolidato 
257
4.1.4 - Parametri meccanici delle murature  – modello  
consolidato 
257
4.2 - Azioni sulle costruzioni – definizione dei carichi agenti 258
4.2.1 - Azioni sulla struttura 258
4.2.2 - Combinazione dei carichi 264
4.2.2.1 - Fattore di Importanza 267
4.2.3 – Azione sismica 271
4.2.4 -  Categorie di suolo di fondazione 271
4.2.5 - Analisi a spettro di risposta 273
4.2.6 - Fattore di struttura 274
4.2.7 - Dall’accelerogramma allo spettro di risposta 276
4.2.8 - Implementazione computazionale 279
4.2.9 - Numero di modi propri di vibrazione  280
4.2.10 - Sovrapposizione delle singole risposte modali 281
4.2.11 - Analisi statica lineare 282
4.2.12 - Analisi dinamica modale 284
4.2.13 - Analisi statica non lineare 286
4.3 - Costruzione dei modelli di calcolo 290
4.3.1 - Aggregati edilizi 296
4.4 - Costruzione del Modello calcolato con il software 
“Adina”. 
299
4.4.1 - Costruzione del modello 299
4.4.2 - Densità della mesh 302
4.4.3 - Vincoli esterni 303
INDICE 
9

Università degli Studi di Ferrara  
4.4.4 - Analisi strutturali 306
4.5 - Costruzione del Modello calcolato con il software 
“Tremuri”. 
308
4.5.1 - Costruzione del modello 310
4.5.2 - Analisi incrementale a collasso (push-over) 313
4.5.3 -Spettro da normativa 316
4.5.4 - Verifiche 316
4.5.4.1 - Stato limite Ultimo (SLU) 316
4.5.4.2 - Stato limite di Danno (SLD) 316
4.5.5 - O.P.C.M. 3362 dell' 8 luglio 2004 317
4.6 -  Tabelle riassuntive dei carichi applicati ai diversi modelli 318
4.6.1 - Modelli codice ADINA 318
4.6.2 – Modelli codice TREMURI 322
_______________________ 
CAPITOLO 5  
RISULTATI ANALISI ELEMENTI FINITI (ADINA) 
323
5.1 - Risultati analisi statica – Carichi verticali 323
5.1.1 - Modello 01: Deformazioni strutturali - Carichi verticali 324
5.1.2 - Modello 01: Tensioni - Carichi verticali 325
5.1.3 - Modello 02 -  Deformazioni strutturali - Carichi verticali 326
5.1.4 - Modello 02 -  Tensioni  - Carichi verticali 328
5.1.5 - Modello 03: deformazioni strutturali  - Carichi verticali 330
5.1.6 - Modello 03 -  Tensioni - Carichi verticali 332
5.2 - Risultati analisi statica - Carichi orizzontali 334
5.2.1 - Modello 01 –  Deformazioni - Carichi orizzontali 337
Dottorato in Scienze dell’Ingegneria – XIX ciclo – Riccardo Cami 
10

Tecniche antisismiche moderne e metodi di calcolo strutturale per la protezione dei beni storico 
monumentali: il caso della torre di Palazzo Marchesale a San Giuliano di Puglia 
 
5.2.2 - Modello 02 –  Deformazioni - Carichi orizzontali 339
5.2.3 - Modello 03 –  Deformazioni - Carichi orizzontali 341
5.2.4 – Tabella riassuntiva dei risultati - Carichi orizzontali 343
5.3 - Analisi modale e a spettro di risposta 344
5.3.1 - Analisi modali 344
5.3.1.1 - Modello 01 – primi dieci modi di vibrazione 345
5.3.1.2 - Modello 02 – primi dieci modi di vibrazione 346
5.3.1.3 - Modello 03 – primi dieci modi di vibrazione 347
5.3.2 – Taratura del modello con le prove dinamiche 348
5.4 - Risultati delle analisi a spettro di risposta 354
5.5 - Risultati analisi a spettro di risposta – situazione 
esistente  
356
5.5.1 – Modal participation factor 356
5.5.2 – Modal mass 357
5.5.3 – Percentuale di massa 357
5.5.4 – Massa accumulata 357
5.5.5 – Percentuale di massa accumulata 358
5.5.6 – Risultati relativi ai singoli spettri di risposta 358
5.5.7 – Risultati  analisi a spettro di risposta (OPCM 3431 del 
3/5/05) 
359
5.5.8 – Risultati  analisi a spettro di risposta  (Testo Unitario 
Norme Tecniche Per Le Costruzioni) 
360
5.6 - Risultati analisi a spettro di risposta – Modello 
Consolidato 
361
5.6.1 - Fattore di partecipazione modale 361
5.6.2 - Massa modale 361
5.6.3 - Percentuale di massa partecipante 361
INDICE 
11

Università degli Studi di Ferrara  
5.6.4 - Massa accumulata 362
5.6.5 - Percentuale di massa accumulata 362
5.6.6 - Risultati relativi ai singoli spettri di risposta 362
5.6.7 - Risultati  analisi a spettro di risposta  (OPCM 3431 del 
3/5/05) 
363
5.6.8 - Risultati  analisi a spettro di risposta  364
5.7 - Confronto fra modello non consolidato e modello 
consolidato  
367
5.8 - Conclusioni 370
____________________ 
 
CAPITOLO 6  
RISULTATI ANALISI – MODELLI TREMURI 
373 
6.1 - Risultati analisi modello 3Muri 01 374 
6.1.1 - Analisi eseguite 375 
6.1.2 - Verifiche eseguite 376 
6.1.3 - Risultati analisi “Pushover” 377 
6.2 - Risultati analisi modello 3Muri 02 380 
6.2.1 - Analisi eseguite 380 
6.2.2 - Verifiche eseguite 381 
6.2.3 - Risultati analisi “Pushover” 382 
6.3 - Risultati analisi modello 3Muri 03 385 
6.3.1 - Analisi eseguite 385 
6.3.2 - Verifiche eseguite 386 
6.3.3 - Risultati analisi “Pushover” 387 
6.4 - Risultati analisi modelo 3Muri 04 391 
Dottorato in Scienze dell’Ingegneria – XIX ciclo – Riccardo Cami 
12

Tecniche antisismiche moderne e metodi di calcolo strutturale per la protezione dei beni storico 
monumentali: il caso della torre di Palazzo Marchesale a San Giuliano di Puglia 
 
6.4.1 - Analisi eseguite 391
6.4.2 - Verifiche eseguite 392
6.4.3 - Risultati analisi “Pushover” 393
6.5 - Conclusioni 397
________________________ 
 
CAPITOLO 7  
PROPOSTA DI INTERVENTO 
401
7.1 - Introduzione 401
7.2 - Progettazione antisismica per il patrimonio culturale 401
7.3 -Criteri di intervento per il miglioramento sismico 404
7.4 - Interventi per il miglioramento sismico 406
7.5 - Interventi proposti: riparazione e rinforzo 408
7.5.1 - Interventi volti a ridurre le carenze dei collegamenti  408
7.5.2 - Interventi sulle fondazioni 413
7.5.3 - Intervento sulle strutture verticali 414
7.5.4 - Interventi sui  solai 419
7.5.5 - Interventi sulle volte 423
7.5.6 - Interventi sulla copertura 429
7.5.7 – Impiego di sistemi innovativi – Leghe a memoria di 
forma (SMA) 
439
7.6 – Conclusioni 440
__________________________ 
CAPITOLO 8 – CONCLUSIONI 443
__________________________ 
INDICE 
13

Università degli Studi di Ferrara  
APPENDICE A  
PROTEGGERSI DAI TERREMOTI 
447 
A.1 -  Cenni di sismologia e geologia 447 
A.1.1 -  Sviluppi storici 449 
A.2 - Cenni sul rischio sismico in Italia e aspetti significativi 
della Nuova Normativa Antisismica 
453 
 A.2.1 -  Le dimensioni del problema 
453 
 A.2.2  -  La Nuova Normativa Antisismica -  Ordinanza 3274 del 
20/3/03 
459 
A.2.3 - La nuova classificazione sismica del territorio 
nazionale 
462 
A.2.4  -  Criteri e regole supplementari di buona progettazione 464 
A.2.5  -  Il metodo degli stati limite 465 
________________________ 
APPENDICE B – MODERNI METODI ANTISISMICI 469 
 B.1 -  Approccio energetico allo studio e all’analisi dei 
terremoti 
469 
 B.2 - Metodi moderni di protezione antisismica: dissipazione 
dell’energia e riduzione dell’energia in ingresso 
472 
 B.3  -  Isolamento Sismico (IS) 
478 
B.3.1 - Introduzione  478 
B.3.2 - Affidabilità delle procedure di progetto 480 
B.3.3 - Isolamento sismico e progetto architettonico 484 
B.3.4 - L'isolamento sismico applicato agli edifici in muratura 485 
B.3.5 Configurazioni speciali: l'edificio sospeso 487 
B.3.6 - Applicazioni di IS e DPE ai ponti 488 
Dottorato in Scienze dell’Ingegneria – XIX ciclo – Riccardo Cami 
14

Tecniche antisismiche moderne e metodi di calcolo strutturale per la protezione dei beni storico 
monumentali: il caso della torre di Palazzo Marchesale a San Giuliano di Puglia 
 
B.3.7 - Applicazioni di IS e DPE a edifici di nuova  costruzione 489
B.3.8 - Adeguamenti sismici con IS su strutture esistenti 497
B.3.9 - Applicazioni di IS al patrimonio storico-artistico 499
B.3.9.1  -  Applicazioni di IS ad edifici monumentali negli USA 499
B.3.9.2  -  Applicazioni di IS ad edifici monumentali in  Italia 508
B.3.9.3  -  Applicazioni di IS ai beni museali 519
B.4 -  Materiali compositi: fibre di carbonio 522
B.5 -  SMA (Shape Memory Alloy) 525
B.5.1  - La memoria di forma 525
B.5.2  - La superelasticità 526
B.5.3 -  Ricerca, sviluppo e applicazioni delle SMA 527
B.6 - Cenni alle Nuove Norme sugli edifici isolati 536
B.6.1 - Requisiti generali e criteri per il loro soddisfacimento 538
B.6.2 - Caratteristiche e criteri di accettazione dei dispositivi 539
B.6.2.1 - Isolatori 539
B.6.2.2 - Dispositivi ausiliari 539
B.6.2.3 - Isolatori elastomerici 540
B.6.2.4 - Isolatori a scorrimento 541
B.7 – Conclusioni 541
_______________________________ 
APPENDICE C -  CAMPAGNA DIAGNOSTICA E RILIEVO 543
C.1 - Attività diagnostiche 543
C.2 - Indagini soniche sulle strutture  544
C.2.1 -  Metodo di indagine sonica  544
C.2.2 -  Attrezzatura di prova sonica  546
INDICE 
15

Università degli Studi di Ferrara  
C.3 - Sondaggi a carotaggio sulla struttura e rilievi con sonda 
televisiva in foro  
547 
C.3.1 - Strumentazione utilizzata 547 
C.4 - Indagini con sonda endoscopica  548 
C.4.1 - Strumentazione utilizzata 548 
C.5 - Prova di assorbimento 549 
C.5.1 - Esecuzione della prova 549 
C.6 - Prelievo ed analisi di campioni di malta 557 
C.7 - Prove con martinetti piatti 559 
C.7.1 - Prova con martinetto piatto singolo 560 
C.7.2 - Procedura di prova 560 
C.7.3 - Elaborazione dati 562 
C.7.4 - Prova con martinetto piatto doppio 563 
C.7.5 - Procedura di prova 564 
C.7.6 Elaborazione dati 566 
C.7.7 - Descrizione dell’attrezzatura impiegata nelle prove con 
martinetto piatto 
567 
C.7.7.1  - Cella 567 
C.7.7.2 - Unità di pressurizzazione  567 
C.7.7.3 - Strumentazione di misura  568 
C.7.7.4 - Attrezzatura per l’esecuzione del taglio  568 
C.8 - Prove locali a taglio 570 
C.8.1 - Procedura di prova  570 
C.8.2 - Elaborazione dati   572 
_______________________________ 
Dottorato in Scienze dell’Ingegneria – XIX ciclo – Riccardo Cami 
16

Tecniche antisismiche moderne e metodi di calcolo strutturale per la protezione dei beni storico 
monumentali: il caso della torre di Palazzo Marchesale a San Giuliano di Puglia 
 
APPENDICE D  
LA MODELLAZIONE A MACROELEMENTI 
573
D.1 – Calcolo di edifici in muratura 573
D.1.1 - La resistenza ai carichi verticali e sismici 573
D.1.2 - Risposta sismica degli edifici in muratura 574
D.1.3 - Meccanismi di Collasso 574
D.1.4 - Comportamento Globale e Meccanismi Locali 576
D.1.5 - Meccanismi locali di collasso 582
D.1.6 - Il modello resistente 584
D.2 - Analisi non lineare 586
D.2.1  - Il metodo POR 586
D.2.2  - Modellazione con elementi finiti di superficie o di 
volume 
587
D.2.3 - Il metodo a telaio equivalente 589
D.2.4 - Previsioni di intervento 592
D.2.5  - Strutture miste 592
D.2.6  - Calcolo automatico delle eccentricità accidentali 593
D.2.7  - Sintesi delle caratteristiche del metodo 593
D.2.8 - Confronto metodo POR - metodo a Macroelementi 
3Muri 
594
D.2.9 - Applicabilità del metodo POR secondo la Circolare del 
30-07-1981 
597
D.2.10 - Osservazioni 598
D.2.11 - Confronto modellazione ad elementi finiti con 
modellazione a macroelementi (3Muri) 
599
D.3 - La modellazione a macroelementi 600
D.3.1 – L’ipotesi di telaio equivalente 600
INDICE 
17

Università degli Studi di Ferrara  
D.3.2 – Il Macroelemento 603 
D.3.3 - Definizione dello spostamento ultimo (drift) per il 
macroelemento 
611 
D.3.4 - Le peculiarità di modellazione del macroelemento 
connesse alle prescrizioni dell’Ordinanza 3431 
613 
D.3.5 - L’elemento trave non lineare in muratura 614 
D.3.6 - La Modellazione 618 
D.3.7 - Modellazione della parete 619 
D.3.8 - La modellazione tridimensionale 622 
D.3.9 - Costruzione del telaio equivalente 628 
D.4 – Conclusioni 630 
_________________________ 
APPENDICE E  
RICERCA SU INTERVENTI REALIZZATI 
631 
E.1 - Introduzione 631 
E.1. 1 - Cavallerizza del Castello di Vigevano (Pavia) 631 
E.1. 2 - Intervento sulla volta a padiglione, “corridoio delle 
grottesche”, Castello della Manta (CN) 
632 
E.1. 3 - Intervento al Palazzo Cattaneo di Cremona 633 
E.1.4 - Un’applicazione dell’arco armato: volte a padiglione 
del castello Mediceo di Melegnano. 
633 
E.1.5 - Castello Visconteo: torre sud-ovest, Pavia 635 
E.1.6 - Intervento sulla Torre S.Dalmazio, Pavia 637 
E.1.7 - Intervento sulla torre sud-ovest del Castello Visconteo 
di Pavia 
639 
E.1.8 - Castello Visconteo, prospetto nord, Pavia 640 
E.1.9 - Torre sud-est del Castello Visconteo di Pavia: 
intervento sulle coperture 
641 
Dottorato in Scienze dell’Ingegneria – XIX ciclo – Riccardo Cami 
18

Tecniche antisismiche moderne e metodi di calcolo strutturale per la protezione dei beni storico 
monumentali: il caso della torre di Palazzo Marchesale a San Giuliano di Puglia 
 
E.1.10 - Castello di Trezzo d’Adda (Milano) 642
E.1.11 - La copertura di casa ex-Masciadri ad Arcene (BG) 643
E.1.12 - La copertura lignea della ex chiesa di San Carpoforo 
– Milano 
644
E.1.13 - Consolidamento delle volte di Villa San Carlo 
Borromeo 
646
E.1.14 - Consolidamento con arco armato estradossale 647
E.1.15 - Consolidamento delle volte della Basilica Superiore 
ad Assisi 
649
E.1.16 - Consolidamento della torre di Carlo V in Martinsicuro 651
E.2 - Conclusioni 657
________________________________ 
 
BIBLIOGRAFIA E RIFERIMENTI 659
Normativa 659
Euro Codici 660
Libri 662
Pubblicazioni e atti di convegni scientifici 667
Rapporti interni e tesi di laurea 684
Siti Internet 688
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
INDICE 
19

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Informazioni tesi

  Autore: Riccardo Cami
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Dottorato di Ricerca in ''Scienze dell'ingegneria'' Ciclo XIX
Anno: 2007
Docente/Relatore: Antonio Tralli
Correlatore: Maurizio Indirli
Istituito da: Università degli Studi di Ferrara
Dipartimento: Facoltà di Ingegneria
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 692

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

architettura
patrimonio culturale
restauro
terremoto
antisismica
rischio sismico
calcolo strutturale
san giuliano di puglia
palazzo marchesale
calcolo elementi finiti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi