Skip to content

Impiego del codice MCNP-4A nella BNCT (Boron Neutron Capture Therapy), con particolare riguardo allo sviluppo di un metodo originale per la valutazione della dose da cattura neutronica in base a dati PET

Gratis L'indice di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
<br/><b>PARTE I </b> <br/> <br/><b>LA TERAPIA ''BNCT'' </b> <br/> <br><b>1. La terapia BNCT </b><br/> 1.1 Considerazioni preliminari <br/> 1.2 Cenni storici <br/> 1.3 Le esperienze di Hatanaka <br/> 1.4 Le pi&ugrave; recenti esperienze <br/> 1.5 I tumori che si curano mediante la BNCT <br/> 1.6 Applicazione della BNCT ai tumori del cervello <br/> 1.7 Il meccanismo di azione della BNCT <br/> <br><b>2. Aspetti operativi della BNCT </b><br/> 2.1 Considerazioni preliminari <br/> 2.2 Possibili sorgenti neutroniche <br/> 2.2.1 Reattore nucleare <br/> 2.2.1.1 Il reattore TRIGA II di Musashi <br/> 2.2.1.2 Il reattore di ricerca di Monaco (FRM II) <br/> 2.2.1.3 Il reattore di ricerca FRJ-2 <br/> 2.2.1.4 Il reattore di ricerca MITR-II <br/> 2.2.1.5 Reattore UVAR <br/> 2.2.1.6 Il reattore BMRR (BNL) <br/> 2.2.1.7 Il reattore HIFAR (ANSTO) <br/> 2.2.2 Acceleratore <br/> 2.2.3 Radioisotopi <br/> 2.3 Caratteristiche del canale di irraggiamento <br/> 2.4 Aspetti clinici della BNCT <br/> 2.4.1 Importanza del frazionamento <br/> 2.5 Studi farmacologici <br/> 2.6 Studi dosimetrici <br/> 2.7 Il software di supporto <br/> <br><b>3. Le principali ricerche sulla BNCT </b><br/> 3.1 Generalit&agrave; <br/> 3.2 Le esperienze di Petten <br/> 3.2.1 Lo schema di trattamento <br/> 3.2.2 Il treatment planning software <br/> 3.3 Le esperienze del MIT <br/> 3.3.1 Il treatment planning software <br/> 3.4 Le esperienze dell'Idaho National Engineering Laboratory (INEL) <br/> 3.5 Le esperienze del BNL <br/> 3.6 Le esperienze della Kyoto University <br/> 3.7 Le esperienze della Virginia University <br/> 3.8 Le esperienze della Universit&agrave; di Birmingham<br/> 3.9 Le esperienze dell'ORNL (Oak Ridge National Laboratory) <br/> <br><b>4. Conclusioni sulla Parte I </b><br/> <br/><b>PARTE II </b> <br/> <br/><b>LA SIMULAZIONE DEL COMPORTAMENTO DEI NEUTRONI ED IL CALCOLO DELLA DOSE NEI TESSUTI DEL CERVELLO </b> <br/> <br><b>5. Problematiche associate al calcolo delle dosi inerenti alla BNCT </b><br/> <br><b>6. Il problema del trasporto delle particelle </b><br/> 6.1 Considerazioni generali <br/> 6.2 Il metodo alle ordinate discrete (SN) <br/> 6.3 Il codice MASH. Un esempio di accoppiamento tra il metodo Monte Carlo ed il metodo SN <br/> <br><b>7. Il metodo Monte Carlo ed il codice MCNP-4A </b><br/> 7.1 Il metodo Monte Carlo <br/> 7.1.1 Caratteristiche fondamentali del metodo Monte Carlo <br/> 7.1.2 Tecniche per la riduzione della varianza <br/> 7.2 Il codice MCNP-4A <br/> 7.2.1 Risultati del codice e ''Tallies'' <br/> 7.2.2 Applicazioni del codice MCNP-4A <br/> <br><b>8. Applicazione del codice MCNP-4A al trasporto dei neutroni nel cervello </b><br/> 8.1 La PET (Positron Emission Tomography) <br/> 8.2 Applicazione della PET alla diagnosi dei tumori al cervello <br/> 8.3 Il codice CARONTE : un metodo nuovo per fornire concentrazioni realistiche di 10B nel modello MCNP del cervello <br/> 8.3.1 Considerazioni generali <br/> 8.3.2 Cenni sull'anatomia del cervello e sua simulazione <br/> 8.3.3 Descrizione del codice CARONTE <br/> 8.4 Applicazioni del sistema CARONTE e analisi dei risultati ottenuti <br/> 8.4.1 Generalit&agrave; <br/> 8.4.2 Il caso IFC-CNR <br/> 8.4.3 Il caso test <br/> 8.4.4 Il caso di glioblastoma del Dipartimento di Neurochirurgia di Kyoto <br/> <br><b>9. Conclusioni </b><br/> 9.1 Considerazioni sulla BNCT <br/> 9.2 Situazione attuale <br/> 9.3 Scopo del Sistema CARONTE e risultati raggiunti <br/> 9.4 Considerazioni conclusive <br/> 9.5 Prospettive future <br/> <br/><b>APPENDICI </b> <br/> <br><b>Appendice 1. Considerazioni generali sui tumori </b><br/> A.1.1 Generalit&agrave; <br/> A.1.2 Le cause dei tumori <br/> A.1.3 La prevenzione dei tumori <br/> A.1.4 Applicazioni delle radiazioni in campo medico <br/> <br><b>Appendice 2. Classificazione dei gliomi e dei gradi di morbilit&agrave; delle radiazioni </b><br/> A.2.1 Classificazione WHO dei gliomi astrocitici <br/> A.2.2 Classificazione RTOG/EORTC della morbilit&agrave; da radiazione acuta e ritardata <br/> Indice del volume II <br/> <br><b>Appendice 3. I metodi per la determinazione diretta della distribuzione del boro nel tumore e negli organi sani </b><br/> A.3.1 Generalit&agrave; <br/> A.3.2 PGRA (Prompt Gamma Ray Analysis) <br/> A.3.3 PET (Positron Emission Tomography) <br/> A.3.4 La tecnica colorimetrica <br/> A.3.5 Tecnica autoradiografica a tracce alfa <br/> A.3.6 Tecnica autoradiografica neutronica a tracce da gadolinio <br/> A.3.7 La tecnica a ''filtrazione con olio'' <br/> A.3.8 Risonanza magnetica nucleare per immagini (NRM o MRI) <br/> A.3.9 Inductively coupled plasma atomic emission spectroscopy (ICP-AES) <br/> <br><b>Appendice 4. Manuale d'uso del codice CARONTE </b><br/> A.4.1 Premessa <br/> A.4.2 Caratteristiche generali del codice <br/> A.4.3 I programmi con cui funziona CARONTE <br/> A.4.4 Come funziona il codice CARONTE <br/> <br><b>Appendice 5. Esperimento di Hatanaka circa il danneggiamento della BBB per irraggiamento frazionato </b><br/> <br><b>Appendice 6. Il codice grafico SABRINA </b><br/> A.6.1 Caratteristiche fondamentali <br/> A.6.2 Applicazione del codice SABRINA al modello del cervello<br/> <br><b>Appendice 7. Le curve e le superfici di tipo B-spline (NURBS) </b><br/> <br><b>Appendice 8. Altre ricerche parzialmente connesse alla BNCT </b><br/> A.8.1 Le esperienze presso l'Universit&agrave; di Washington e l'Harper Hospital (BNCEFNT) <br/> A.8.2 Le esperienze al TRR (Thailand Research Reactor) <br/> A.8.3 Le esperienze del St. George Hospital Research Group (Australia) <br/> A.8.4 Le esperienze in Italia <br/> A.8.5 Altre esperienze <br/> <br><b>Appendice 9. Letteratura di riferimento </b><br/> <br><b>Appendice 10. Considerazioni tecniche sul Sistema Caronte e risultati conseguiti </b><br/> A.10.1 Note complementari al codice CARONTE <br/> A.10.2 I risultati relativi al caso IFC-CNR <br/> A.10.3 I risultati relativi al caso test <br/> A.10.4 I risultati relativi al caso di glioblastoma del Dipartimento di Neurochirurgia di Kyoto <br/>
Indice della tesi: Impiego del codice MCNP-4A nella BNCT (Boron Neutron Capture Therapy), con particolare riguardo allo sviluppo di un metodo originale per la valutazione della dose da cattura neutronica in base a dati PET, Pagina 1

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Giovanni Daquino
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1996-97
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Nucleare
  Relatore: Nicola Cerullo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 695

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

mcnp-4a
radioprotezione
treatment planning
bnct
boron neutron capture therapy
trasporto di particelle

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi