Skip to content

L'insider trading dalle origini statunitensi alla disciplina comunitaria e italiana: la sistematica punitiva

Informazioni tesi

  Autore: Jacopo Cresto-Dina
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Alessandra  Rossi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 174

La problematica connessa all’abuso di informazioni privilegiate ha suscitato negli ultimi anni molteplici riflessioni ed analisi non soltanto all’interno del dibattito giuridico, ma anche in quello politico ed economico.Il presente lavoro si articola in tre capitoli e si pone altrettanti obiettivi. Il primo, punto di partenza da cui muove la riflessione, è quello di cercare di indagare e ricostruire le origini storiche del fenomeno di insider trading attraverso l’analisi dell’esperienza degli Stati Uniti, paese che per primo al mondo nel 1934 ha avuto l’audacia di emanare una disciplina della materia come reazione alle scandalose situazioni che si erano formate sul mercato mobiliare. Solo attraverso l’esame della disciplina nord-americana sull’insider trading e del relativo iter giurisprudenziale risulta infatti possibile comprendere il successivo sviluppo del fenomeno in ambito europeo e nazionale. Dopo aver passato in rassegna le tappe fondamentali dell’evoluzione della disciplina statunitense, si è poi dedicata l’ultima parte del primo capitolo allo studio del recentissimo disegno di legge noto come Insider Trading Prohibition Act, il quale rappresenterà, nell’ipotesi in cui diventi legge, una svolta significativa all’interno della normativa americana sull’insider trading, portando un po’ di ordine in un sistema costituito prevalentemente da precedenti giudiziari e che sempre più spesso è stato criticato per mancanza di determinatezza. Nel secondo capitolo, invece, si è scelto di sottoporre a disamina la normativa eurounitaria per capire il percorso che ha condotto l’Unione europea (all’epoca ancora Comunità economica europea) e successivamente l’Italia a sviluppare una propria disciplina anti-insider trading idonea a fronteggiare un fenomeno che incominciava ormai a propagarsi anche al di là degli Stati Uniti, minacciando i mercati europei. L’analisi si è quindi incentrata sulle fonti comunitarie: dalla prima Direttiva in materia, la n. 89/592/CEE, per poi passare alla successiva la n. 2003/6/CE ed infine all’attuale binomio normativo costituito dal Regolamento (UE) n. 596/2014 e dalla Direttiva n. 2014/57/UE. L’indagine prosegue sul versante domestico, focalizzando l’attenzione sulle modifiche apportate alla disciplina italiana dell’abuso di informazioni privilegiate dal controverso Decreto legislativo n. 107/2018. Sul punto, il lavoro mette in luce le persistenti aporie che tuttora contraddistinguono l’insider trading nazionale rispetto a quello delineato a livello comunitario. L’ultima parte, infine, si preoccupa di affrontare la questione più spinosa e dibattuta di tutta la normativa italiana anti-insider trading: si tratta della sistematica punitiva degli abusi di mercato caratterizzata da un assetto sanzionatorio «ipermuscolare» ed efficientista in forza del quale sul medesimo fatto incidono sia sanzioni penali (irrogate dal giudice penale), sia sanzioni amministrative (comminate dalla Consob). Il meccanismo «a doppio binario» sul medesimo fatto è stato da tempo additato dalla dottrina come difficilmente compatibile con il principio di proporzionalità ed extrema ratio che dovrebbe orientare il ricorso al diritto criminale. Ai dubbi di legittimità della disciplina sollevati a livello interno, si sono poi aggiunti quelli sul piano convenzionale e quelli provenienti dalla Corte di Giustizia dell’Unione europea. Proprio attraverso il raffronto tra le varie evoluzioni interpretative sul tema, si è quindi cercato di capire se e in che misura l’attuale meccanismo del cumulo sanzionatorio, penale e amministrativo, degli abusi di mercato sia o meno compatibile con il principio del ne bis in idem così come interpretato dalla Corte di Strasburgo e, a livello comunitario, dalla Corte di Giustizia dell’Unione europea.

Informazioni tesi

  Autore: Jacopo Cresto-Dina
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Alessandra  Rossi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 174

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione La problematica connessa all’abuso di informazioni privilegiate ha suscitato negli ultimi anni molteplici riflessioni ed analisi non soltanto all’interno del dibattito giuridico, ma anche in quello politico ed economico. Sembrerebbe, oggi, prendendo in considerazione i grandi scandali finanziari che recentemente hanno investito i sistemi economici occidentali, che i reati di market abuse stiano attraversando una nuova «età dell’oro di proporzioni forse maggiori di quella che segnò i mercati degli anni ’30: la tentazione di alterare il corso dei valori non solo non è stata estirpata, ma pare aver trovato un nuovo terreno fertile nei mercati finanziari». 1 Il presente lavoro si articola in tre capitoli e si pone altrettanti obiettivi. Il primo, punto di partenza da cui muove la riflessione, è quello di cercare di indagare e ricostruire le origini storiche del fenomeno di insider trading attraverso l’analisi dell’esperienza degli Stati Uniti, paese che per primo al mondo nel 1934 ha avuto l’audacia di emanare una disciplina della materia come reazione alle scandalose situazioni che si erano formate sul mercato mobiliare. Solo attraverso l’esame della disciplina nord-americana sull’insider trading e del relativo iter giurisprudenziale risulta infatti possibile comprendere il successivo sviluppo del fenomeno in ambito europeo e nazionale. Dopo aver passato in rassegna le tappe fondamentali dell’evoluzione della disciplina statunitense, si è poi dedicata l’ultima parte del primo capitolo allo studio del recentissimo disegno di legge noto come Insider Trading Prohibition Act, il quale rappresenterà, nell’ipotesi in cui diventi legge, una svolta significativa all’interno della normativa americana sull’insider trading, portando un po’ di ordine in un sistema costituito prevalentemente da precedenti giudiziari e che sempre più spesso è stato criticato per mancanza di determinatezza. Nel secondo capitolo, invece, si è scelto di sottoporre a disamina la normativa eurounitaria per capire il percorso che ha condotto l’Unione europea 1 M. VIZZARDI, Manipolazione del mercato: un doppio binario da ripensare? in Rivista italiana di diritto processuale penale, 2006, p. 707

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ne bis in idem
insider trading
doppio binario
abuso di informazioni privilegiate
regolamento 596/2014
d.lgs. 107/2018
direttiva 57/2014

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi