Skip to content

La donazione: ruolo dell’infermiere del coordinamento dal prelievo al trapianto d’organo

Informazioni tesi

  Autore: Marco Longo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Maria Pia Giammarinaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 32

Questa tesi si prefigge il compito di analizzare ed approfondire la tematica dei trapianti d'organo dal punto di vista infermieristico, in particolar modo approfondendo la figura dell'infermiere del coordinamento, il quale, svolge il proprio ruolo sia nelle terapie intensive che nei centri trapianto. Il mio elaborato approfondisce inoltre il ruolo dell'infermiere di terapia intensiva nella gestione del potenziale donatore.

Informazioni tesi

  Autore: Marco Longo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Maria Pia Giammarinaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 32

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 CAPITOLO I I TRAPIANTI D’ORGANO: DALLA STORIA AI NOSTRI GIORNI La possibilità di poter trapiantare parti del corpo, in particolar modo da specie diverse, interessa e incuriosisce l’uomo da secoli. Sono diverse le testimonianze mitologiche e religiose che narrano di mostri e creature, come la chimera descritta nell’Iliade di Omero come un essere formato dal corpo di una capra, la testa di un leone e la coda di un serpente, o anche di Dei, come nel caso di Ganesha (induismo testa di elefante e 4 braccia) e Anubi (Divinità egizia, corpo umano e testa di canide). La nascita della medicina dei trapianti viene attribuita ai santi medici Cosma e Damiano, che nel III secolo Dopo Cristo, sostituirono la gamba cancrenosa di un loro sacrestano con quella di un uomo, deceduto poco prima. Bisogna però aspettare il tardo Medioevo, a partire dal XV secolo, per avere notizie riguardanti i primi esperimenti sui trapianti di pelle e ossa, ricordiamo tra i tanti, Gaspare Tagliacozzi, medico bolognese, sviluppò un nuovo metodo di ricostruzione di nasi, labbra e orecchi mutilati, descritto nel trattato “De curtorum chirurgia per insitionem”, ovvero Chirurgia delle mutilazioni per mezzo di innesti. Tagliacozzi riconobbe, inoltre, una delle problematiche fondamentali della medicina dei trapianti: la reazione di rigetto; data dall’impossibilità di trapiantare i tessuti provenienti da altre persone a causa del “carattere singolare dell’individuo”. È solo alla fine del XIX secolo che il concetto di trapianto, inteso come sostituzione di organi, si sviluppa fino a diventare un concetto medico fondamentalmente applicabile. Particolare rilevanza hanno i successi di Theodor Kocher, chirurgo svizzero, che nel 1883 riuscì a trapiantare un tessuto tiroideo durante un’operazione al gozzo. Nel 1902, il chirurgo francese Alexis Carrel, mise a punto una nuova tecnica di anastomosi artero- venosa in grado di far fronte ai principali problemi delle suture vascolari, ovvero, l'emorragia, la trombosi, la stenosi vascolare e l'infezione. Questa rappresenta una tappa fondamentale nella medicina dei trapianti e grazie a questa tecnica che Carrel riuscì ad eseguire i primi trapianti di rene da animali in pazienti con gravi insufficienze renali. Rimaneva però il problema del rigetto. Fu Peter Medawar, considerato il padre della biologia dei trapianti, che, conducendo esperimenti di innesti cutanei in pazienti gravemente ustionati durante la II Guerra Mondiale, dimostrò l’origine immunologica della reazione di rigetto, descritta come il rifiuto da parte dell’organismo ospite di tessuti e organi estranei. Lo sviluppo della ricerca e le scoperte dei gruppi sanguigni e, soprattutto, degli antigeni responsabili dell’istocompatibilità e del sistema HLA, portarono al primo vero e proprio trapianto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

coordinamento
procurement
donazione
infermiere
trapianto
teaching
trapianti d'organo
prelievo d'organo
infermiere del coordinamento
management donatore

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi