Skip to content

La rondine e l'usignolo

Informazioni tesi

  Autore: Martina Galizzi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Beni culturali
  Corso: Scienze dei beni culturali
  Relatore: Giorgio Bejor
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 53

Con questo mio elaborato voglio analizzare, partendo dal relativo mito, il gruppo scultoreo di Procne e Iti, di paternità di Alcamene ed ora presso il museo dell’Acropoli ad Atene.
Nell’immaginario mitologico, la Grecia arcaica non è soltanto la culla di audaci guerrieri e valorosi eroi: è anche patria di numerose donne fatali, potenti e oscure. Il racconto avente protagoniste le due sorelle omicide offre lo spunto ideale dal quale partire per questa trattazione.
La leggenda narra di come Tereo, re di Tracia, nutrisse una ossessione crescente per la cognata Filomela, sorella della moglie Procne, sino a quando, accecato da questa passione irrefrenabile, abusò di lei, la segregò in un capanno nel bosco e ne comunicò la morte alla moglie. Ma la punizione non tardò ad arrivare, in quanto Procne, una volta scoperta la verità tramite un ingegnoso stratagemma messo in atto dalla sorella, decise di liberare Filomela e vendicarsi del marito compiendo il più terribile dei delitti: l’uccisione del figlio Iti, dandone poi da mangiare le carni a Tereo.
La tesi si articola in tre capitoli, nei quali si è cercato di evidenziare l’evoluzione del mito all’interno della storia greca e non solo, nonché di studiare in modo approfondito la scultura al quale è ispirata.
Oggetto di studio del primo capitolo è il sopracitato mito di Procne e Iti, conosciuto dagli antichi anche come "mito dell’usignolo". In questo capitolo ho esposto in ordine cronologico le diverse leggende. Nel capitolo sono presenti anche citazioni letterarie riferite a leggende più antiche, dove i protagonisti vengono indicati come esseri umani trasformati per volere divino, poiché espiatori di una pena. Per maggiore chiarezza sono state riportate le traduzioni di alcuni estratti. Infine, vengono esposti i vari parallelismi tra leggende e personaggi all’interno della mitologia greca.
Proseguendo con il secondo capitolo, in esso si cercherà di analizzare la scultura derivante dal sopracitato mito, tema portante del mio elaborato, a partire dalla scelta di tale raffigurazione, insolita per l’epoca ma strettamente legata all’allora situazione politica. Innanzitutto ho voluto presentare la figura dello scultore, Alcamene, spesso confuso con un omonimo, per poi proseguire con la spiegazione della correlazione tra la scultura e il relativo mito. Ho deciso di porre l’attenzione sulla ricostruzione della scultura, giunta a noi mutila, essenziale per l’identificazione dei personaggi, altro tema trattato nel mio elaborato. Successivamente ho esposto le specifiche tecniche scultoree.
Infine, nel terzo ed ultimo capitolo, ho riportato le testimonianze della presenza di altre rappresentazioni del mito dell’usignolo all’interno della storia dell’arte (greca e non solo) ed anche della letteratura.

Informazioni tesi

  Autore: Martina Galizzi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Beni culturali
  Corso: Scienze dei beni culturali
  Relatore: Giorgio Bejor
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 53

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Con questo mio elaborato voglio analizzare, partendo dal relativo mito, il gruppo scultoreo di Procne e Iti, di paternità di Alcamene ed ora presso il museo dell’Acropoli ad Atene. Nell’immaginario mitologico, la Grecia arcaica non è soltanto la culla di audaci guerrieri e valorosi eroi: è anche patria di numerose donne fatali, potenti e oscure. Il racconto avente protagoniste le due sorelle omicide offre lo spunto ideale dal quale partire per questa trattazione. La leggenda narra di come Tereo, re di Tracia, nutrisse una ossessione crescente per la cognata Filomela, sorella della moglie Procne, sino a quando, accecato da questa passione irrefrenabile, abusò di lei, la segregò in un capanno nel bosco e ne comunicò la morte alla moglie. Ma la punizione non tardò ad arrivare, in quanto Procne, una volta scoperta la verità tramite un ingegnoso stratagemma messo in atto dalla sorella, decise di liberare Filomela e vendicarsi del marito compiendo il più terribile dei delitti: l’uccisione del figlio Iti, dandone poi da mangiare le carni a Tereo. La tesi si articola in tre capitoli, nei quali si è cercato di evidenziare l’evoluzione del mito all’interno della storia greca e non solo, nonché di studiare in modo approfondito la scultura al quale è ispirata. Oggetto di studio del primo capitolo è il sopracitato mito di Procne e Iti, conosciuto dagli antichi anche come “mito dell’usignolo”. In questo capitolo ho esposto in ordine cronologico le diverse leggende. Nel capitolo sono presenti anche citazioni letterarie riferite a leggende più antiche, dove i protagonisti vengono indicati come esseri umani trasformati per volere divino, poiché espiatori di una pena. Per maggiore chiarezza sono state riportate le traduzioni di alcuni estratti. Infine, vengono esposti i vari parallelismi tra leggende e personaggi all’interno della mitologia greca. Proseguendo con il secondo capitolo, in esso si cercherà di analizzare la scultura derivante dal sopracitato mito, tema portante del mio elaborato, a partire dalla scelta

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

scultura procne e iti
alcamene
leggenda dell'usignolo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi