Skip to content

Le frodi carosello come patologia della tassazione analitico-aziendale

Informazioni tesi

  Autore: Michele Danza
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Raffaello Lupi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 124

Il fenomeno delle frodi all'Iva designa un caso eterogeneo di comportamenti frodatori diretti ad omettere il versamento dell'imposta sul consumo ai danni dell'erario e degli interessi finanziari dell'UE, per la rispettiva quota di partecipazione al gettito fiscale IVA. Le frodi carosello costituiscono una species del più ampio genus di frodi IVA, ove un fornitore europeo, dopo aver ricevuto ingenti quantitativi di merci senza applicazione del tributo, sfruttando la non imponibilità per le operazione intracomunitarie, rivende le medesime merci con applicazione d'imposta, che non verserà al fisco, rompendo così le simmetrie tra versamento d'imposta addebitata al proprio ulteriore cliente e detrazione. Tanto è vero che l'acquirente operatore economico del soggetto frodatore detrarrà l'Iva occultata a monte.
Il problema della detassazione della filiera a monte del consumo, per quel che concerne il tributo sulla cifra d'affari, sembra essere ancora oggi un problema irrisolto, a partire dall'abolizione delle dogane interne all'UE e dall'entrata in vigore del Trattato di Maastricht. L'unione doganale, come definita dall'art. 28, par. 1 del TFUE resta uno dei pilastri fondamentali del processo di integrazione comunitaria, ma fenomeni frodatori del tipo di quelli descritti ne stanno minando un sistema armonizzato come quello dell'imposta sul valore aggiunto.
Non è un problema evasivo e nemmeno elusivo, ma un caso di evasione d'impresa, il cui scopo in buona sostanza è quello di abbattere il costo di acquisto della merce destinata al consumo, così da rendersi più competitivi, con enorme danno alla libera concorrenza e ai principi che presiedono al corretto funzionamento de mercato, cui tende l'ordinamento sovranazionale.

Informazioni tesi

  Autore: Michele Danza
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Raffaello Lupi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 124

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Dipartimento di Giurisprudenza INTRODUZIONE L’argomento oggetto della presente tesi riguarda un fenomeno dal carattere poliedrico 1 , perpetrato ai danni degli interessi finanziari della Comunità Europea prima e dell’Unione Europea dopo, oltre che dell’erario degli Stati nazionali. Sono le cosiddette frodi carosello o frodi IVA. E’ un fenomeno strettamente connesso alle fragilità e debolezze del sistema armonizzato dell’Imposta sul valore aggiunto tipo consumo (anche detta imposta sulla cifra d’affari), introdotta a livello comunitario per fronteggiare i noti rischi di cumulo, propri di alcuni tributi nazionali, come l’IGE nel nostro Paese, che peraltro, a differenza dell’IVA, non era in grado di colpire direttamente e soltanto il consumo finale, in quanto imposta cumulativa e quindi idonea a colpire ogni stadio della filiera produttiva e distributiva. In realtà, l’espressione utilizzata, frode IVA o frode carosello, non delinea una fattispecie rigorosa e precisa dal punto di vista concettuale, dal momento che può includere vari comportamenti, nonché fare riferimento agli esiti più diversificati, anche se tutti accomunati dall’intento di recare pregiudizio alle ragioni erariali per mezzo di comportamenti fraudolenti messi in atto dall’operatore economico professionista o dagli operatori economici che hanno preso parte al meccanismo applicativo dell’imposta sui consumi. La sua denominazione classica, frode a carosello appunto, discende dal modo in cui i beni circolano nel territorio dell’Unione da uno Stato membro all’altro, ma solo cartolarmente. In genere, si tratta di tre operatori economici, muniti di partita IVA e residenti in due Stati nazionali diversi, ma nelle ipotesi più complesse può trattarsi di molteplici operatori economici in due o più Paesi membri. Non si tratta di un fenomeno elusivo, cioè di aggiramento del dato formale legislativo, che presuppone una questione interpretativa: nel caso delle frodi carosello, si tratta di un’operazione ibrida, a vocazione trilaterale, con cui si avvantaggia un fornitore intracomunitario, a favore del quale sorge un credito d’imposta in realtà insussistente. Si vedrà, a tal proposito, che le principali manifestazioni del fenomeno oggetto di studio si distinguono in operazioni soggettivamente inesistenti ed operazioni oggettivamente inesistenti, per intendere le prime quali operazioni tra fornitori consistenti in un’effettiva cessione di beni o prestazione di servizi, contabilmente registrate da un operatore economico diverso da colui che materialmente effettua la cessione; con le seconde, invece, si fa riferimento ad un’operazione inesistente sul piano concreto, ma registrata contabilmente. Solo nel primo caso, può parlarsi di frode carosello vera e propria, per la quale si riscontra una sostanziale regolarità contabile, sebbene, il più delle volte, anche in operazioni cartolari come quelle descritte, si interponga un soggetto fittizio, che funge da società cartiera, o missing trader, che permette detrazioni d’imposta senza alcun versamento a monte. In sostanza, è un vero e proprio arbitraggio fiscale, una sorta di evasione da riscossione o evasione interpretativa, il cui scopo è, il più delle volte, quello di abbassare il prezzo delle 1 E’ necessario infatti, a proposito delle frodi carosello, distinguere tra occultamento di ricchezza al Fisco, intesa come sottrazione di ricchezza alla pretesa fiscale (evasione in senso materiale) e l’adozione di una certa interpretazione giuridica su ricchezza che non è affatto nascosta, denominata anche evasione interpretativa, trattandosi in questo ultimo caso di evasione interpretativa o pianificazione fiscale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

iva
elusione
evasione fiscale
abuso del diritto
frodi carosello
ige
frodi iva
teoria della tassazione analitico-aziendale
sistema armonizzato iva
imposte sui consumi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi