Skip to content

Perdite e opportunità per l'industria italiana dovute al ripristino di misure protezionistiche

Informazioni tesi

  Autore: Gianluca Sementilli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi Niccolò Cusano - Telematica Roma
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria industriale
  Relatore: Francesco Cappa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 50

La presente tesi ha come oggetto lo studio delle conseguenze che si avrebbero dal ripristino in modo sistematico e selettivo di misure protezionistiche, come i dazi doganali, riguardanti l’importazione di manufatti e altri beni relativi alla produzione industriale. Prendendo spunto dalla linea politica che ha adottato il Presidente USA Trump nel rimette al centro dell’azione governativa il particolare interesse nazionale, rappresentato dalla pragmatica volontà di rilanciare il settore industriale mediante il rafforzamento dei dazi doganali su determinate merci importate dall'estero, la tesi si pone l’obiettivo di analizzare le decisioni riguardanti le misure protezionistiche secondo una logica ingegneristica, trasformando l’argomento in un problema di gestione industriale, invece di seguire idee astratte dettate da talune teorie politiche ed economiche o nel rispetto giuridico di trattati internazionali. Pertanto si affronterà il problema definendo le possibili soluzioni strategiche che le imprese dovranno adottare per ridurre le perdite e aumentare le opportunità di fronte all'evoluzione di un mercato, seppur globalizzato, alle prese con il preponderante ritorno del protezionismo. Di fatto le politiche protezionistiche sono diventate quasi necessarie per riequilibrare gli squilibri negli scambi commerciali. Infatti, la bilancia commerciale non sempre corrisponde alla ricchezza complessiva del Paese di riferimento tanto che se non vi è correlazione tra il mercato di produzione e il mercato di vendita, un alto valore delle esportazioni può essere spiegato da un basso costo del lavoro e quindi da bassi redditi. Di certo ciò non avviene quando esiste un nesso tra la produzione e la vendita, come può essere per il mercato interno, visto che i beni prodotti, seppur di diverso tipo, devono essere comunque acquistati con la retribuzione derivante dalla loro realizzazione. Questi temi, alla base della svolta americana nella politica commerciale, saranno dissertati in maniera esaustiva all'interno dei vari capitoli di cui si articola la tesi.

Informazioni tesi

  Autore: Gianluca Sementilli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi Niccolò Cusano - Telematica Roma
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria industriale
  Relatore: Francesco Cappa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 50

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE La presente tesi ha come oggetto lo studio delle conseguenze che si avrebbero dal ripristino in modo sistematico e selettivo di misure protezionistiche, come i dazi doganali, riguardanti l‟importazione di manufatti e altri beni relativi alla produzione industriale. La motivazione principale che mi ha spinto a intraprendere la discussione di questo argomento è scaturita dal recente atteggiamento assunto dall‟amministrazione americana nei confronti della politica degli scambi commerciali. La linea che ha adottato il Presidente Trump, simboleggiata dal motto „America First‟, rimette al centro dell‟azione governativa il particolare interesse nazionale, rappresentato dalla pragmatica volontà di rilanciare il settore industriale mediante il rafforzamento dei dazi doganali su determinate merci importate dall‟estero, a differenza di quei principi ideali, come l‟imprescindibilità della libertà di commercio, proclamati nel consesso delle relazioni internazionali. La Casa Bianca vuole così rispondere con atti concreti alle promesse elettorali di salvaguardare l‟industria nazionale, nel proposito di difendere i posti di lavoro esistenti e puntare alla creazione di nuovi, riducendo di fatto la disoccupazione e aumentando complessivamente i redditi in modo da poter generare una nuova crescita economica. Se un Paese sovrano come gli Stati Uniti d‟America, la superpotenza mondiale per eccellenza, decide di restaurare una politica protezionistica per garantire il benessere ai propri cittadini, allora si è arrivati al punto da sconfessare il libero scambio internazionale, il caposaldo fondamentale su cui, a partire dagli anni novanta del secolo scorso, si è voluta fondare la globalizzazione dei mercati. Essa doveva, secondo i suoi sostenitori, accompagnare l‟umanità verso un‟era di prosperità, ma i risultati non hanno rispettato pienamente le speranze in essa riposte. Infatti, le conseguenze che sono scaturite da questo percorso testimoniano invece la discordanza del pensiero teorico, per il quale l‟efficienza globale è data per l‟appunto dall‟eliminazione delle restrizioni commerciali, con il mondo reale che fino ad ora ha solo assistito a una concorrenza iniqua da parte di Stati, specie di nuova industrializzazione, volti esclusivamente alla ricerca del proprio predominio sull‟intera economia mondiale. Considerando queste premesse, la tesi si pone l‟obiettivo di analizzare le decisioni riguardanti le misure protezionistiche secondo una logica ingegneristica, trasformando

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi