Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Attività sportiva e legislazione antidoping

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 CAPITOLO I STORIA DEL DOPING NEL NOVECENTO SOMMARIO: 1. Primi interventi atti a contrastare il fenomeno doping.- 2. Metodologie di doping sistematico.- 3. L’Italia e il doping di Stato.- 4. La Convenzione di Strasburgo contro il doping.- 5. Illecito sportivo per doping. 1. PRIMI INTERVENTI ATTI A CONTRASTARE IL FENOMENO DOPING Solo nel 1960, in occasione della riunione del Comitato Olimpico Internazionale (C.I.O.) a San Francisco, USA, fu sottolineata la necessità di indagare sulla diffusione di anfetamine tra gli sportivi, procedendo nel 1961, nell’incontro dello stesso Comitato Olimpico, ad Atene, all’istituzione di una commissione medica del C.I.O. incaricata di procedere alle opportune verifiche 3 . Tuttavia è solo del 1963 la prima definizione ufficiale di doping, allorquando il Comitato Europeo per l’Educazione extrascolastica lo adoperò per indicare la ingestione o l’uso di sostanze non biologiche, in forma o per via anormale, da parte di individui sani, con il solo scopo di 3 Gagliano-Candela, op.cit., pag.90 e ss.

Anteprima della Tesi di Bruno Parodi

Anteprima della tesi: Attività sportiva e legislazione antidoping, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Bruno Parodi Contatta »

Composta da 182 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4333 click dal 21/10/2004.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.