Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La quotazione in borsa di società calcistiche. Analisi del caso italiano e comparazione europea.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 1.1.3 Decreto legge 20 Settembre 1996 Sia per ribadire quanto affermato dalla corte di giustizia, sia per colmare le lacune della legge del 1981, si rese improrogabile un nuovo intervento legislativo: dopo un travagliato iter che aveva portato già due decadimenti per mancata approvazione, il c.d. decreto “spalma perdite” del 20 Settembre 1996 fu novellato nella legge n. 586 del 18 11/ 1996. Con l’introduzione di tre nuovi commi si cercò di risolvere in maniera non drastica il problema della componente attiva non contabilizzata relativa ai crediti della stagione 1995-96. Fu consentito alle società sportive professionistiche di poter iscrivere in un apposito conto l’importo pari al valore dell’indennizzo maturato (certificato dalla FIGC) e di poter diluire in tre esercizi le minusvalenze maturate , a decorrere dal 15 maggio 1996. In tal modo, quindi, scomparivano gradualmente in contabilità quegli indennizzi che sparivano immediatamente nella realtà. Si può sottolineare l’importanza del provvedimento, facendo notare che la vicenda Bosman aveva fatto emergere che società di serie A e di B non avevano effettuato ammortamenti per ben 200 miliardi applicando il principio del presunto valore di realizzo del giocatore, seguendo le tabelle ufficiali degli indennizzi. In seguito a proteste, il decreto “spalmaperdite” è stato esteso anche alle società che avevano seguito le direttive sugli ammortamenti della FIGC (per queste società si può parlare di mancati ricavi più che di perdite). La logica che ha portato ad equiparare tutti i club davanti alla legge era che una società poteva non spendere la cifra indicata in bilancio se avesse saputo di non recuperare l’indennizzo; in realtà si è voluto metter tutti sullo stesso piano e non effettuare disparità di trattamento.

Anteprima della Tesi di Mario Mirko Manniello

Anteprima della tesi: La quotazione in borsa di società calcistiche. Analisi del caso italiano e comparazione europea., Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Mario Mirko Manniello Contatta »

Composta da 191 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9185 click dal 26/10/2004.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.