Skip to content

Profili giuridici della partecipazione della Comunità Europea all’OMC: l’evoluzione delle competenze esterne

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO PRIMO Il parere 1/94: l’errore di prospettiva 7 scambi inaugurato a Punta del Este nel settembre 1986 15 , noto con il nome di Uruguay Round e che si prolungò ben oltre le aspettative a causa delle difficili mediazioni tra le parti partecipanti al negoziato. Già negli intenti degli organizzatori del round vi era la volontà di estendere la giurisdizione del “General Agreement on Tariffs and Trade” 16 (GATT) verso nuove aree come i servizi e i diritti di proprietà intellettuale legati agli scambi commerciali 17 e di fondere in un complesso coerente le regole attinenti a questi nuovi ambiti del commercio, dimostrando così la stretta relazione tra questi campi. La Comunità, che al via del round non sembrava essersi resa conto dell’importanza del cambiamento avvenuto nel commercio mondiale, si è trovata, nel corso dei negoziati, frequentemente in una posizione difensiva a causa della sua resistenza nel concedere la liberalizzazione del mercato agricolo tanto auspicata dagli USA e dal Gruppo di Cairns 18 . Proseguivano, intanto, i lavori per giungere a una revisione dei trattati sotto l’impulso della proposta di Trattato di Spinelli: il risultato conclusivo di questi sforzi fu l’Atto unico europeo (AUE) sottoscritto nel febbraio 1986 ed entrato in vigore nel luglio 1987. Fu il risultato di un compromesso fra i dodici membri della Comunità e come in tutti compromessi in cui si cerca di avvicinare posizioni diametralmente opposte, la soluzione finale risulta di basso profilo, almeno in relazione alle intenzioni dei riformatori. Se da un punto di vista istituzionale e politico può essere considerato una delusione 19 , l’AUE ha fornito la struttura legale per il pacchetto di misure adottato dalla Commisione Delors per il completamento del mercato interno da conseguire entro il 31 15 Il ciclo dei negoziati è stato ufficialmente aperto con la “Dichiarazione di Punta del Este” del 20 settembre 1986, approvata nel “Progetto di processo verbale” della 1104ª riunione del Consiglio, doc. 9205/86. 16 L’accordo GATT venne firmato il 30 ottobre 1947 a Ginevra. Dal 1948 al 1994, esso ha fornito le regole del commercio internazionale in base ai principi cardine del sistema, e cioè la reciprocità e la non discriminazione tra i partner tramite la clausola della “nazione più favorita” di cui all’art. I del GATT, ed ha raggiunto risultati di enorme importanza nel liberalizzare gli scambi. 17 Dichiarazione di Punta del Este, v. nota 15. 18 Il Gruppo di Cairns prendeva il nome dall’incontro svoltosi il 25-27 agosto 1986 a Cairns in Australia. Al suo interno figuravano quattordici paesi, tra cui Argentina, Australia, Brasile, Canada Ungheria e Uruguay. 19 Per comprendere la portata di tale atto dal punto di vista istituzionale, risultano illuminanti le parole della signora Thatcher, allora primo ministro britannico: «[P]er tutto il tempo, parte del nostro sforzo è stato di ridimensionare le loro aspettative tirandoli giù dalle nuvole per riportarli alle questioni pratiche» (“The Times”, 6 dicembre 1985).
Anteprima della tesi: Profili giuridici della partecipazione della Comunità Europea all’OMC: l’evoluzione delle competenze esterne, Pagina 11

Preview dalla tesi:

Profili giuridici della partecipazione della Comunità Europea all’OMC: l’evoluzione delle competenze esterne

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alberto Afflitto
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Fabio Bassan
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 280

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

accordo omc
aets
comitato 133
competenza esterna
gats
gatt
interpretazione
obbligo di cooperazione
parere 1/94
proprietà intellettuale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi