Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La politica estera del Portogallo e l'Europa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 portoghese non era soddisfatta della troppo stretta alleanza con l’Inghilterra. Per questo, nel momento della crisi della monarchia, i borghesi ritirarono l’appoggio alla corona, orientandosi verso un ideale repubblicano. Il compromesso tra la borghesia e le forze operaie permise la caduta della monarchia, in cambio di riforme economiche e sociali. Infatti, nell’ottobre 1910, dei reparti della marina e dell’esercito, appoggiati da numerosi civili, attuarono un colpo di Stato, a seguito del quale fu proclamata senza resistenza la Repubblica. L’ultimo erede al trono dom Manuel II fu costretto all’esilio in Inghilterra, da dove non fece più ritorno (Oliveira, 1972:21). La situazione finanziaria del paese continuò ad aggravarsi anche per gli effetti della seguente partecipazione alla prima guerra mondiale e per i contrasti che travagliavano la società. I numerosi governi succedutisi dall’instaurazione della Repubblica operarono molti cambiamenti nella società portoghese, nel tentativo di toglierle il carattere feudale che aveva. Furono decretate misure anticlericali, gli ordini religiosi vennero soppressi e furono chiusi gli istituti di insegnamento e di assistenza da essi diretti. I beni ecclesiastici vennero espropriati, fu introdotto il divorzio e riconosciuta l’uguaglianza della donna all’interno della famiglia. Così il nuovo regime si attirò l’ostilità della Chiesa cattolica di altri paesi, non solo di quella portoghese. Si cercò anche di porre rimedio all’altissimo tasso di analfabetismo (il 60% della popolazione non sapeva leggere e scrivere) che limitava il diritto di voto, inficiando il valore delle elezioni cui il regime repubblicano attribuiva molta importanza (ibid.:53). Ma, paradossalmente, il Ministero per la Pubblica Istruzione non venne mai restaurato dai repubblicani, costretti a fare economia. Pure la legge elettorale venne modificata allo scopo di riequilibrare la partecipazione dei vari ceti al processo di rinnovamento politico.

Anteprima della Tesi di Fulvio Papouchado

Anteprima della tesi: La politica estera del Portogallo e l'Europa, Pagina 2

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Fulvio Papouchado Contatta »

Composta da 55 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2201 click dal 26/10/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.