Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La concentrazione bancaria in Italia: analisi del processo di evoluzione storica in rapporto alle realtà economiche di altri paesi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 Nel 1924 andava delineandosi la ripresa, che si sviluppò completamente nel 1925. Intanto, mentre era in atto tra le grandi banche un lento processo di concentrazione, le migliorate condizioni dell'economia italiana, dovute soprattutto alla ferma intenzione dello Stato di uscire dalla crisi, stimolavano la nascita di nuove iniziative nel campo creditizio. Questo interessante fenomeno si verificò essenzialmente per due ragioni: ξ Prima di tutto, a causa del livello eccezionale dell’inflazione, che portò ad accrescere le speculazioni in vista di facili guadagni. ξ In secondo luogo, fattore determinante fu la scarsa esperienza delle piccole banche e dei banchieri privati, i quali, incoraggiati dalla prudenza dei grandi istituti, crebbero a ritmo molto accelerato. Sul finire del 1925, com’era prevedibile, la situazione economica del Paese cambiò nuovamente: i prezzi, che sino ad allora erano cresciuti enormemente, cominciarono a tendere verso limiti più logici e più consoni alla reale situazione delle imprese. Ma il ritorno alla normalità non poteva avvenire senza dissesti ed, infatti, gli speculatori più audaci e le imprese bancarie sorte nel periodo precedente pagarono a caro prezzo la loro inesperienza, trascinando nel loro fallimento le categorie più umili di risparmiatori, quelli, cioè, attirati semplicemente dagli alti tassi d’interesse. Nel 1926 un tentativo di disciplinare organicamente la legislazione bancaria fu messo in atto attraverso il R.D.L. n. 1511 e il R.D.L. n. 1830 con i quali veniva colmata una lacuna della legislazione italiana: infatti i due decreti succitati, da un lato miravano essenzialmente a tutelare il risparmio, e quindi disciplinavano l’attività delle banche che raccoglievano depositi, dall’altro, affinché questa tutela

Anteprima della Tesi di Angelo Malagnino

Anteprima della tesi: La concentrazione bancaria in Italia: analisi del processo di evoluzione storica in rapporto alle realtà economiche di altri paesi, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Angelo Malagnino Contatta »

Composta da 182 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5394 click dal 26/10/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.