Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La caduta del Muro di Berlino attraverso la stampa internazionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 1.2 Dall’Avvenimento alla Notizia Pierre Nora, in un saggio denso di contenuti scritto nel 1972 ed intitolato Le retour de l’événement 20 (Il ritorno dell’avvenimento), definisce come legge fondamentale del vasto processo di democratizzazione della storia il fatto che l’attualità, in quanto circolazione generalizzata della percezione storica, culmini in un fenomeno nuovo e fondamentale: l’avvenimento. Sempre secondo Nora, il lavoro dei positivisti “è precisamente consistito, da un lato, nel fondare la storia sullo studio del passato, accuratamente separato dal presente, dall’altro nel riempire questo passato con una concatenazione continua di “avvenimenti” 21 . D’altra parte il monopolio della storia appartiene ai mass media e nella nostra società contemporanea “è esclusivamente per il loro tramite che l’avvenimento ci colpisce, e non può evitarci” 22 . La stampa, la radio e la televisione “non agiscono solo come mezzi da cui gli avvenimenti sarebbero relativamente indipendenti, ma come la condizione stessa della loro esistenza, La pubblicità modella la loro stessa produzione. Avvenimenti capitali possono aver luogo senza che se ne parli. È il fatto di apprenderli retrospettivamente che costituisce l’avvenimento – ad esempio la perdita del potere di Mao Tze-tung dopo il grande balzo in avanti. Il fatto che gli eventi abbiano luogo non li rende storici: perché ci sia avvenimento occorre che esso sia conosciuto” 23 . Ecco che allora le affinità tra un determinato avvenimento e un certo mezzo di comunicazione sono così forti da sembrare inseparabili. “Poiché dal giornale locale al quotidiano nazionale, dall’organo a grande tiratura al settimanale d’opinione, solo la stampa dispone di una varietà di possibilità senza pari, di una gamma eccezionalmente ricca di manipolazioni della realtà” 24 . Dunque, secondo Nora, i mass media “hanno fatto della storia un’aggressione, e hanno reso l’avvenimento mostruoso”, poiché la ridondanza intrinseca al sistema dei media tende al sensazionalismo, alla produzione continua di novità 25 ed alimenta una vera e propria fame di avvenimenti 26 . 20 P. Nora, Il ritorno dell’avvenimento, in J. Le Goff e P. Nora (a cura di), Fare storia, Piccola Biblioteca Einaudi, Torino 1981 21 Ivi, p.140. 22 Ivi, p 141. 23 Ibidem. 24 Ivi, p.143. 25 Si veda, a questo proposito, il paragrafo 1.3.2 relativo ai “valori notizia” 26 P. Nora, op. cit. p. 145.

Anteprima della Tesi di Paola Abbate

Anteprima della tesi: La caduta del Muro di Berlino attraverso la stampa internazionale, Pagina 12

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Paola Abbate Contatta »

Composta da 425 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9126 click dal 26/10/2004.

 

Consultata integralmente 27 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.