Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il corpo tecnologico: verso un nuovo modello relazionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1 1 - IL SECOLO DELL’UOMO-MACCHINA. 1.1 L’uomo e la macchina nella Rivoluzione Industriale. E’ con la nascita della fabbrica e del sistema capitalistico che vede luce la prima vera creatura artificiale, sino a quel periodo vecchia figura del mito e del folklore. Questa nuova presenza nella vita dell’uomo nasce con la nuova organizzazione economica, improntata sul sistema capitalistico e sull’efficienza delle forze produttive: prende piede il “mito della macchina” come bisogno dell’uomo industriale di confrontarsi con l’enorme mutamento sociale che avviene attorno a lui. La mentalità del nostro tempo, notevolmente influenzata dal nostro rapporto coi mezzi di comunicazione e con le macchine in generale, è dunque una logica conseguenza dell’atteggiamento sviluppatosi verso le prime innovazioni tecnologiche durante la prima Rivoluzione Industriale. L’impatto fu talmente forte da influenzare in modo decisivo anche una notevole fetta della produzione letteraria e quindi l’immaginario collettivo. E’ perciò importantissimo sottolineare ed analizzare l’atteggiamento della società verso le innovazioni scientifiche e tecnologiche, partendo dal

Anteprima della Tesi di Emanuela Sgarbi

Anteprima della tesi: Il corpo tecnologico: verso un nuovo modello relazionale, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Emanuela Sgarbi Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4663 click dal 15/03/2006.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.