Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Peyote: profilo farmaco-tossicologico e modelli culturali nelle popolazioni indigene nordamericane

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7Nel Nord America il culto più diffuso tra gli indiani nordamericani è una religione derivata dal Cristianesimo e basata sull'uso regolare del peyote come sacramento, la Native American Church. Nelle cerimonie religiose possono essere assunti dai 4 ai 30 bottoni da una sola persona, questi vengono semplicemente messi in bocca, ammorbiditi con la saliva ed inghiottiti senza masticare. Occasionalmente possono essere anche immersi in acqua e in seguito viene bevuto l'infuso. Il colore fangoso, l'odore nauseante e il sapore altrettanto sgradevole e amaro è il meno promettente dei passaporti immaginabili per il paradiso artificiale. La maggior parte degli indiani nordamericani, per raggiungere le lontane e ristrette aree di crescita del cactus e raccoglierlo, compiono ancora oggi pellegrinaggi sacri annuali. Il termine mescal utilizzato in relazione al peyote è improprio: correttamente esso si riferisce ad una bevanda alcolica distillata dall'Agave angustifolia. Questo errore è anche responsabile della denominazione del principale alcaloide contenuto nel peyote, la mescalina, che non è affatto presente nell'agave. Forse la parola "mescal" è stata utilizzata dai missionari e dagli ufficiali governativi per far pensare al peyote come ad una droga simile all'alcol, così da impedirne l'uso attraverso una legge anti-alcol, ma molto probabilmente si tratta di un errore casuale che si è perpetuato nel tempo involontariamente. I.3. ASPETTI CHIMICI: " UNA FABBRICA DI ALCALOIDI " Il peyote è di solito identificato con il suo alcaloide principale, la mescalina, ma essa è solo uno dei quasi 60 alcaloidi che sono stati isolati dal cactus, che Schultes (1983) definì una vera e propria "fabbrica di alcaloidi" (Appendice A). Le prime fondamentali ricerche chimiche sulla Lophophora Williamsii si devono ad Arthur Heffter e ad Ernst Späth.

Anteprima della Tesi di Livia Andreon

Anteprima della tesi: Peyote: profilo farmaco-tossicologico e modelli culturali nelle popolazioni indigene nordamericane, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Farmacia

Autore: Livia Andreon Contatta »

Composta da 106 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3917 click dal 05/11/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.