Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le politiche di liberalizzazione e privatizzazione dei servizi pubblici locali. Il caso della Regione Marche.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 elettrica e del gas metano nei Comuni soci. L’ASPEA S.p.A., partecipata dal Comune di Osimo (65%) e dal “Consorzio G.P.O.”(35%), si occupava, invece, dei Comuni di Osimo e di Montefano gestendo i servizi idrici, quelli relativi alla produzione e distribuzione dell’energia elettrica ed alla fornitura e vendita del gas metano, allo smaltimento dei rifiuti ed alla gestione dell’illuminazione pubblica. In merito alle questioni riguardanti l’ammodernamento delle infrastrutture è interessante notare che il Consiglio comunale di Osimo ha deliberato di utilizzare parte dei proventi derivanti dall’aumento di capitale, interamente sottoscritto dal “Consorzio G.P.O.” e pari 4.440.882 euro, per la realizzazione di una rete fognaria nella frazione di Osimo Stazione e per l’acquisto di nuove linee elettriche nelle frazioni di Casenuove ed Osimo Stazione 10 . 3. Aspetti problematici e prospettive di risoluzione 1. Al momento risulta particolarmente difficoltoso tracciare un giudizio definitivo sugli esiti delle politiche di liberalizzazione e privatizzazione dei servizi pubblici locali, tanto più che, a quasi tre anni dalla prima riforma organica del settore rispondente ai principi comunitari in materia di concorrenza, il quadro legislativo è continuamente mutato seguendo spesso percorsi incoerenti. Ai cambiamenti determinati dal legislatore nazionale si sono aggiunte le pronunce giurisprudenziali, le quali hanno dovuto conciliare le numerose norme prodotte in materia con le rilevanti innovazioni apportate alla distribuzione delle competenze 10 Cfr. Aziende associate, www.confservizi.marche.it (22/02/2004); cfr. delibera n.6, assemblea del 30 giugno 2003, “Affidamento diretto della gestione ex art.35 comma 5 L. n.448/2001”, www.ato3marche.it; cfr. Autorità garante della concorrenza e del mercato, “Provvedimento n. 10189 ( C4926 ) EDISON GAS- VARIE SOCIETA'/PROMETEO del 6/12/2001”, www.agcm.it; cfr. delibera n.66, Consiglio comunale del 05/03/2003, Anticipo e discussione punto all’O.d.G. n.6: “Fusione ASPEA S.p.A.- AST Recanati: Approvazione convenzione tra i Comuni interessati (ex art.30 D.Lgs. n.367 del 18/08/2000) e relativi allegati”, www.comune.osimo.an.it; cfr. Relazioni e bilancio 2002 Azienda mediterranea gas e acqua S.p.A., www.economia.unige.it; delibera n.149, Consiglio comunale del 09/02/2002, “Atto di indirizzo per assegnazione fondi derivanti da aumento di capitale”, www.comune.osimo.an.it; cfr. A.PAGGELLI, Struttura e obiettivi di ASTEA S.p.A., 5 Torri – Marzo 2004, www.comune.osimo.an.it; cfr. G.GASPARINI, Operazione ASTEA: un numero di alta finanza, 5 Torri – Marzo 2004, www.comune.osimo.an.it;

Anteprima della Tesi di Alessandro Cambio

Anteprima della tesi: Le politiche di liberalizzazione e privatizzazione dei servizi pubblici locali. Il caso della Regione Marche., Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessandro Cambio Contatta »

Composta da 224 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5467 click dal 28/10/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.