Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le politiche di liberalizzazione e privatizzazione dei servizi pubblici locali. Il caso della Regione Marche.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 2.2.6. Ambito territoriale ottimale n.3 (Marche Centro – Macerata) Tale ambito include 48 Comuni, di cui 6 nella Provincia di Ancona ed i restanti in quella di Macerata. I Comuni con più di 10 mila abitanti sono: Cingoli, Civitanova Marche, Corridonia, Macerata, Porto Potenza Picena, Recanati, San Severino Marche, Tolentino, Castelfidardo, Loreto e Osimo. Il quadro dell’offerta dei servizi idrici si presenta abbastanza frammentato in quanto operano al suo interno addirittura tre aziende: UNIDRA S.c.r.l. (27 Comuni:), S.I. MARCHE S.c.r.l. (9 Comuni), A.T.I. AST-ASPEA /ACQUAMBIENTE MARCHE (12 Comuni) sorte a loro volta dall’unione di diversi Comuni e soggetti aziendali. La UNIDRA S.c.r.l. risulta costituita dall’unione delle società A.S.S.M. S.p.A., A.S.SE.M. S.p.A. e da più di 20 Comuni che precedentemente gestivano il servizio in economia. La S.I. MARCHE S.c.r.l. è sorta dall’unione dei Comuni di Morrovalle, Montecosaro, Corridonia con le società A.P.M. S.p.A., A.T.A.C. CIVITANOVA S.p.A. e CASTELFIDARDO SERVIZI S.r.l.. Infine vi è l’Associazione Temporanea di Imprese che racchiude la AST S.p.A. e la ASPEA S.p.A. (recentemente fusesi in ASTEA S.p.A.) e la ACQUAMBIENTE MARCHE S.r.l.. Inizialmente si era ipotizzata la creazione di due soggetti aziendali indicativamente chiamati “lato nord-mare” e “lato sud- montagna” per la gestione del relativo territorio, ma il 18 giugno 2003 4 si apprendeva che soltanto tre società (A.P.M. S.p.A., A.T.A.C. CIVITANOVA S.p.A. e CASTELFIDARDO SERVIZI S.r.l. 5 ) avevano avviato il progetto di costituzione della società consortile per il “lato nord-mare” rispetto alle sei che avevano sottoscritto il protocollo di intesa. Il 30 giugno 2003 - ultimo giorno utile per avvalersi dei benefici dell’art.35, comma 5 della legge n.448/2001 - il 4 Il protocollo d’intesa siglato in data 15/05/03 prevedeva anche l’adesione dell’A.S.SE.M. S.p.A., dell’A.S.S.M. S.p.A. e della Valli Varanensi S.p.A.. (Società costituitasi a metà del 2002 per iniziativa della Comunità Montana di Camerino e del comune di Muccia, a cui si sono poi aggiunti i Comuni Fiordimonte, Fiastra, Castelsantangelo sul Nera, Pieve Torina, Monte Cavallo, Serravalle del Chienti, Ussita e Visso). 5 Vedi paragrafo il 2.7.6.7. C.I.G.A.D. S.p.A. per la sentenza n.246/2003 del T.A.R. Marche (www.giustizia-amministrativa.it) che aveva dichiarato l’illegittimità dell’affidamento diretto della gestione dei servizi a tale società, poi non confermato dal Consiglio di Stato.

Anteprima della Tesi di Alessandro Cambio

Anteprima della tesi: Le politiche di liberalizzazione e privatizzazione dei servizi pubblici locali. Il caso della Regione Marche., Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessandro Cambio Contatta »

Composta da 224 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5465 click dal 28/10/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.