Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Regolamento Emas II e la certificazione ambientale territoriale applicata al turismo: Il Polo Turistico di Bibione – San Michele al Tagliamento

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 2. EMAS II in Europa Con il Regolamento 1836/93 la Comunità Europea si è orientata verso uno sviluppo industriale in armonia con l’ambiente che avrebbe permesso alle imprese di fare del proprio impatto ambientale controllato un punto di forza. L’obiettivo era quello di creare per le imprese pioniere, un vantaggio competitivo talmente particolare da far orientare anche le altre imprese verso il Regolamento per evitar loro di essere tagliate fuori da un mercato controllato da consumatori sempre più attenti alle esigenze dell’ambiente. Si voleva creare un meccanismo di imitazione a catena che, oltre ad offrire alle imprese più sensibili dei vantaggi, attirasse altre imprese verso la registrazione e trasformasse la tutela della variabile ambientale da elemento di eccellenza in una condizione necessaria per la permanenza sul mercato. Il Regolamento EMAS è divenuto operativo per gli Stati membri della Comunità dal 1995 con tempi e modalità diverse a causa della specificità delle situazioni giuridica, legislativa ed organizzativa di ogni singolo paese. A giugno 2004 3 risulta pienamente attuato in tutti e 15 i vecchi Stati membri dell’UE , ma anche in alcuni dei nuovi stati (Repubblica Ceca e Malta), più la Norvegia 4 che, pur non facendo parte della Comunità (appartiene alla European Free Trade Association EFTA), ha applicato lo schema comunitario per non trovarsi, nel caso di una successiva adesione, con un sistema produttivo impreparato. L’EMAS ha avuto un avvio lento derivante dalla necessità di definire i diversi Competent Bodies nazionali e non sta avendo uno sviluppo omogeneo ma diversificato a seconda del paese membro. Le prime richieste di registrazione sono state inoltrate agli organismi competenti da imprese operanti nel Regno Unito a partire dai primi mesi del 1995. 3 cfr. Fonte Ufficio statistica EMAS – Help Desk, c/o Bradley Dunbar Associates, Scotland House, Rond-Point Schuman 6 B-1040 Brussels, e-mail [email protected] 4 A giugno 2004 sono 37 le organizzazioni registrate in Norvegia

Anteprima della Tesi di Maurizio Messina

Anteprima della tesi: Il Regolamento Emas II e la certificazione ambientale territoriale applicata al turismo: Il Polo Turistico di Bibione – San Michele al Tagliamento, Pagina 5

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Maurizio Messina Contatta »

Composta da 71 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4127 click dal 28/10/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.