Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il conflitto Israelo-Palestinese: la prospettiva psicologica di Daniel Bar-Tal

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 democratici; questa direzione inoltre non ha mai trasmesso alla gente un messaggio chiaro.” Più avanti, nello stesso articolo, El Sarraj conclude : “[…] proprio a causa della minaccia esterna, ci si compatta attorno all’Autorità Palestinese. Ora, questa è anche la ragione per cui oggi non siamo in grado di cambiarla. Perché ci sentiamo mortalmente minacciati dagli Israeliani. […]. Voglio dire: oggi non possiamo votare, non possiamo spostarci, non abbiamo libertà di movimento. C’è proprio un’impossibilità di fatto.” Questa situazione, lungi dal favorire la possibilità che tra i due popoli si instaurino la fiducia, il rispetto e la tolleranza (condizioni necessarie per una convivenza sotto le insegne della giustizia e della pace), ha come unico risultato quello di accrescere ancor più la diffidenza e l’odio che necessariamente portano ad ulteriori insopportabili versamenti di sangue su entrambi i fronti. Oggi, in Israele, sono non pochi gli intellettuali, i civili, i militari ed i professionisti di ogni genere che sostengono una posizione di questo tipo. La loro voce, debole ma in costante crescita, è però sovrastata dai canti di guerra della politica ufficiale, dei media israeliani e delle alte cariche dell’esercito, che non provano vergogna nel propagandare menzogne al fine di perseguire “la difesa e la sopravvivenza” di Eretz Israel. Riveste un’importanza del tutto particolare, a mio modo di vedere, la posizione dei Refusenik, militari israeliani, per la maggior parte membri dell’aviazione, ma non solo, che ultimamente, dando ascolto alla voce della propria coscienza oltre che prova di grande coraggio, si sono rifiutati di

Anteprima della Tesi di Emiliano Subissi

Anteprima della tesi: Il conflitto Israelo-Palestinese: la prospettiva psicologica di Daniel Bar-Tal, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Emiliano Subissi Contatta »

Composta da 150 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2835 click dal 29/10/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.