Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Liberalizzazione del mercato delle telecomunicazioni: evoluzione e andamento dei prezzi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

cioè la minimizzazione dei costi di produzione per l'intera industria, richieda la presenza di un'unica impresa (Petretto, 1993). Dato che per un’impresa caratterizzata da economie di scala il costo medio è superiore al costo marginale, la regola di fissazione del prezzo del servizio più efficiente dal punto di vista sociale, first-best - prezzo uguale al costo marginale - non consente il recupero dei costi (il primo contributo fondamentale è stato fornito da Hotelling). La regola di second-best per la determinazione del prezzo di un’impresa monopolista multiprodotto prevede, al contrario, che il prezzo per ogni servizio si discosti dal rispettivo costo marginale di un ammontare (mark-up) inversamente proporzionale alla elasticità della domanda: regola di Ramsey 7 . La tariffazione ottimale dal punto di vista del monopolista costituisce perciò una potenziale fonte di redistribuzione del reddito tra categorie di consumatori. D'altra parte, la necessità di elevati investimenti irrecuperabili collegati alla realizzazione delle infrastrutture di rete riduce considerevolmente il grado di contendibilità dei mercati, vale a dire la probabilità di ingresso di eventuali concorrenti, garantendo alle imprese già operanti una sostanziale immunità rispetto ai vincoli e ai condizionamenti economici derivanti da una concorrenza anche solo potenziale 8 . Non è sorprendente, quindi, che la ricerca economica abbia profuso ampi sforzi nel tentare di verificare la presenza o meno dei requisiti di monopolio naturale. La teoria economica recente (Baumol et al., 1982) ha sottolineato come quest’ultimo debba essere correttamente definito non tanto in termini di economie di scala, quanto di sub-additività 7 Per una trattazione teorica si veda Varian, 1998; mentre in tema di soluzione ottimale di first e second best applicati ai prezzi telefonici si rimanda al libro “Regolamentazione e mercato nelle telecomunicazioni” (Cambini, Ravazzi e Valletti, 2000). 8 Teoria dei mercati contendibili (Baumol , 1982): se un monopolio naturale risulta “sostenibile” (cioè nessun potenziale entrante è in grado di entrare nel mercato offrendo prezzi e quantità di output tali da ottenere profitti positivi) ed il mercato è contendibile (cioè è possibile l’entrata e l’uscita senza costi dal mercato prima che l’impresa incombente possa reagire), il monopolista è costretto a fissare il prezzo finale all’utenza in modo da raggiungere il pareggio di bilancio, senza alcuna necessità di intervento pubblico.

Anteprima della Tesi di Ivan Giunchi

Anteprima della tesi: Liberalizzazione del mercato delle telecomunicazioni: evoluzione e andamento dei prezzi, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Ivan Giunchi Contatta »

Composta da 136 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6694 click dal 29/10/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.