Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le strategie comunicative nella campagna elettorale di Bologna 2004: Giorgio Guazzaloca e Sergio Cofferati a confronto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 italiana, poi di non essere bolognese e quindi di non essere in grado di guidare una città che non gli apparteneva, fino a giungere ad additarlo come uno dei responsabili dell’omicidio di Marco Biagi 12 per le critiche rivolte al consulente del Ministero del Lavoro ai tempi in cui aveva guidato la CGIL, ed in quanto tale non degno di candidarsi ed essere eletto proprio nella città del giuslavorista ucciso dalle nuove Brigate Rosse. I dubbi sulla effettiva spontaneità della candidatura di Cofferati probabilmente rimarranno irrisolti, ma nonostante le accuse, il candidato del centrosinistra è riuscito a creare intorno a sé un’unità d’intenti molto ampia. Grazie alle sue capacità relazionali egli ha coagulato intorno alla sua figura un forte consenso, riportando Bologna ad essere considerata uno dei laboratori prediletti della sinistra italiana. L’inserimento delle associazioni civiche nello schieramento di governo si è ricollegato quindi alla volontà di presentare qualcosa di completamente diverso e opposto a ciò che proponeva Guazzaloca, nonostante la sua candidatura fosse espressione di una lista civica, ed in quanto tale, della società civile. Per spiegare la vittoria del ’99 di Giorgio Guazzaloca e la sua sconfitta nel 2004 con la relativa vittoria di Sergio Cofferati, non si può perciò prescindere da prendere in considerazione il contesto nel quale si sono svolte entrambe le elezioni, le caratteristiche degli sfidanti e la diversa proposta di amministrazione fatta agli elettori. Secondo Giovanni Salizzoni, nel ’99 la componente decisiva per la vittoria dello schieramento guidato da Guazzaloca era stata sicuramente la debolezza dell’altra parte, 13 circostanza che invece non si è verificata alle elezioni del 2004. 12 Luca Orsi, Spesso le parole diventano pietre. E anche pallottole, in “Il Resto del Carlino”, 26 maggio 2004. 13 Nostra intervista a Giovanni Salizzoni, cit.

Anteprima della Tesi di Michela Natali

Anteprima della tesi: Le strategie comunicative nella campagna elettorale di Bologna 2004: Giorgio Guazzaloca e Sergio Cofferati a confronto, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Michela Natali Contatta »

Composta da 227 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5380 click dal 09/11/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.