Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi psicodinamica delle situazioni di lavoro: uno studio di caso presso un ospedale della provincia di Bergamo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 Secondo Ladrière, esiste una difficoltà reale nel discernere la differenziazione e gli usi sociali dei termini individuo e persona. Il sociologo non può utilizzare il concetto di persona per farne un concetto utile alle sue analisi senza prima porta- re alla luce i suoi usi che, “sotto un’universalità apparente, veicolano spesso si- gnificati contraddittori tra loro”. All’analisi degli usi del termine persona nei testi dei contemporanei, Ladrière preferisce la strada dell’ermeneutica, proponendo che il chiarimento dello “stato presente del concetto di persona sia preparato tra- mite la riappropriazione del suo passato” e la riabilitazione del significato per- duto dell’ipostasi greca – esistere di per sé, essere irriducibile. L’ontologia so- stanzialista all’interno della quale è diventato pensabile il concetto di persona è scomparsa, ma rimane il fatto che il concetto di persona significa, innanzitutto, individuo in quanto soggetto singolare ed unico. Nell’epoca greca e latina, la persona è la presenza dell’altro, il viso. In tutta l’antichità ed il Medioevo, si precisa man mano la dimensione ontologica della persona, che non viene più semplicemente percepita come presenza, ma che co- stituisce l’oggetto di un interrogativo e di un chiarimento di ciò che la costituisce intrinsecamente. La definizione di Boezio: la persona, sostanza individuale di una natura ragionevole, sarà un punto di riferimento per tutta la filosofia scolasti- ca. Il contributo di Tommaso d’Aquino (XIII sec.) è il chiarimento del concetto di sussistenza. La persona si definisce come esistenza in sé e per sé, ed è al tempo stesso natura individuata (essenza concreta) ed esistenza in sé e per sé (esistenz- a). La sussistenza è “l’essere in quanto sussiste, trovando in sé e non in un altro diverso da sé la base della propria esistenza. La sussistenza è l’abbozzo di quello che diventerà un elemento fondamentale del concetto di persona: la sua autono- mia”. Attraverso l’era Moderna, si impone una terza dimensione, quella del soggetto. La persona è riflessiva a partire da Cartesio, morale a partire da Kant, sociale a partire da Hegel.

Anteprima della Tesi di Guglielmo Rottigni

Anteprima della tesi: Analisi psicodinamica delle situazioni di lavoro: uno studio di caso presso un ospedale della provincia di Bergamo, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Guglielmo Rottigni Contatta »

Composta da 163 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3906 click dal 29/10/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.