Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La neuroeconomia ed il neuromarketing: analisi, valutazioni ed applicazioni.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 cose indipendente dal soggetto)» (Severino E.,1991). Secondo il filosofo neanche le verità matematiche potrebbero essere vere in assoluto, un Dio ingannatore – che induce all’errore – non consente la distinzione fra l’essere e l’apparire, da questa ulteriore diffidenza nasce una certezza: per essere ingannato da un Essere superiore vuol dire che Io – in quanto essenza – esisto. L’unica cosa certa per Cartesio è l’esistere, ormai storica è la sua affermazione “Cogito ergo sum” (“penso, dunque sono”), mettere in dubbio tutto tranne l’esistenza stessa dell’uomo in quanto entità pensante. Res cogitans e res extensa, concetti duali che se uniti all’osservazione dei meccanismi duplici con i quali l’uomo interagisce con l’ambiente: due occhi, due orecchie, due narici, due mani, etc. inducono Cartesio a teorizzare l’esistenza all’interno del cervello umano di due realtà diverse ed a capire che il vero problema sorge quando il corpo deve fondere insieme sensazioni doppie e trasmetterle all’animo, elemento imprescindibilmente congiunto al fisico. Il filosofo ritiene di aver individuato una particolare zona del cervello in cui risiederebbe l’anima dell’uomo, una piccola ghiandola posta all’interno della massa cerebrale, la ghiandola pineale, quella che oggi la scienza chiama epifisi. La scelta di tale organo non è casuale, esso è unico – non è doppio come gli altri organi di senso – è dunque tramite ideale fra la coscienza e le funzioni corporee: «Dato che la nostra anima non è duplice, ma una e indivisibile, mi sembra che la parte del corpo alla quale è unita più immediatamente debba essere anch’essa una e non divisibile in due simili, e non riesco a trovare niente del genere in tutto il cervello all’infuori di questa ghiandola» (Cartesio,1640, Lettera a Mersenne, AT III, 127). Siccome dagli organi percettori giungono due immagini distinte (tramite nervi e sangue), nella ghiandola entrambe le proiezioni si devono unificare al fine di giungere all’anima in modo unitario; secondo Cartesio tale zona cerebrale viene irradiata in maniera che ogni punto delle due figure

Anteprima della Tesi di Michael Liguori

Anteprima della tesi: La neuroeconomia ed il neuromarketing: analisi, valutazioni ed applicazioni., Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Michael Liguori Contatta »

Composta da 184 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13442 click dal 03/11/2004.

 

Consultata integralmente 52 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.