Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La neuroeconomia ed il neuromarketing: analisi, valutazioni ed applicazioni.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 1.1 Cartesio: conoscenza semplice, conoscenza complessa, l’anima Capire come si forma la conoscenza e come la mente umana elabori le immagini percepite dall’esterno è un argomento che ha sempre affascinato l’uomo e soprattutto coloro che nella natura umana hanno cercato il senso del cosmo: i filosofi. Fra tanti personaggi illustri del pensiero filosofico colui che – nella prima metà del Seicento – ha intuito ciò a cui in seguito la scienza approderà è stato sicuramente René Descartes, comunemente chiamato Cartesio. Egli è stato l’iniziatore della filosofia moderna, di una nuova età del pensiero filosofico, andando alla radice del problema esistenziale dell’uomo: la verità della conoscenza. Il momento più alto e sublime del pensiero cartesiano si esprime attraverso la concettualizzazione del “dualismo” fra esistenza dell’uomo in quanto essere pensante (res cogitans), sostanza inestesa e libera, contrapposta all’essenza esterna al pensiero (res extensa), materia estesa, spaziale, inconsapevolmente determinata dall’altra; una contrapposizione dalla quale nasce la ricerca del valore della verità. L’orientamento ed il criterio che Cartesio cerca è contemporaneamente teoretico e pratico, il suo obiettivo è saper distinguere il vero dal falso, una filosofia pratica e non meramente speculativa per concedere all’uomo di essere padrone e possessore della natura. Nell’opera “Discorso sul metodo”, l’autore afferma che esiste – dunque – un solo e semplice criterio di orientamento che serve all’uomo in ogni campo teoretico e pratico: il metodo. Nel formulare le regole del metodo, il filosofo si avvale prevalentemente delle scienze matematiche di «quelle lunghe catene di ragionamenti, semplici e facili, di cui i geometri si servono per giungere alle loro più difficili dimostrazioni, mi dettero motivo a supporre che tutte le cose di cui l’uomo può avere

Anteprima della Tesi di Michael Liguori

Anteprima della tesi: La neuroeconomia ed il neuromarketing: analisi, valutazioni ed applicazioni., Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Michael Liguori Contatta »

Composta da 184 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13442 click dal 03/11/2004.

 

Consultata integralmente 52 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.