Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dopo l'Undici settembre. La politica estera di George W. Bush secondo L'International Herald Tribune

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 In ogni caso, l’Undici Settembre non rappresenta solamente il giorno in cui gli Stati Uniti sono stati feriti dal terrorismo, ma assume un’importanza notevole alla luce delle conseguenze che questi accadimenti hanno comportato. Innanzi tutto, fino all’Undici Settembre, non si era prestata molta attenzione a programmi rivolti a fronteggiare il terrorismo, inoltre l’opinione pubblica non era a conoscenza di molti atti terroristici, anche se avvenuti in un passato non molto lontano. Conseguentemente la richiesta di azione, successiva agli attacchi perpetrati contro New York e Washington, riflette il crescente desiderio di vendetta contro un nemico ancora sfuggente ed oscuro. Infatti, uno dei primi problemi che l’amministrazione americana ha dovuto affrontare è stato di definire chiaramente il nemico contro cui la loro azione militare si sarebbe rivolta. Attribuire una chiara identitá al nemico era inoltre necessario per ricevere un fondamentale sostegno mondiale. L’Undici Settembre, infatti, ha provocato un notevole cambiamento nello scenario internazionale modificando alleanze e schieramenti, rapporti d’amicizia e d’ostilità. Importanti scontri e incontri si sono materializzati: per un verso il previsto scontro di civiltà e per un altro, sorprendenti incontri tra paesi e culture, che erroneamente si ritenevano incompatibili tra loro. Una conseguenza dell’attacco alle Torri Gemelle è che intrecci e situazioni, prima presenti solo allo stato latente, sono diventate realtà concrete. Innanzi tutto con l’attentato dell’Undici Settembre, gli Stati Uniti, che dalla guerra fredda apparivano come un’immensa e schiacciante superpotenza, hanno perso il loro senso di invulnerabilità al terrorismo. Gli Stati Uniti sono passati da una posizione semi-isolazionista e diplomaticamente indifferente verso il resto del mondo ad un protagonismo combattivo, sia reagendo frontalmente all’attacco terroristico, sia riaffermando la propria leadership nel mondo occidentale. Per di più l’America ha cercato di rafforzare quest’ultimo ruolo con il tentativo, poi riuscito, di realizzare una nuova e significativa alleanza con la Russia e la Cina. Inoltre gli Stati Uniti

Anteprima della Tesi di Melissa De Ronch

Anteprima della tesi: Dopo l'Undici settembre. La politica estera di George W. Bush secondo L'International Herald Tribune, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Melissa De Ronch Contatta »

Composta da 116 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2406 click dal 04/11/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.