Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il contributo delle biotecnologie avanzate in agricoltura: qualità, sicurezza e mercato degli Organismi Geneticamente Modificati

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 tenati non conoscevano però i meccanismi alla base della trasformazione di prodotti naturali in cibi o bevande (lievitazione, fermentazione, ecc.) e cioè che vi fossero coinvolti specifici microrganismi viventi: è necessario infatti attendere qualche millennio prima che Anton van Leeuwenhoek (1632-1723), grazie alla costruzione del primo microscopio, riesca a os- servare per primo il mondo microbico e a ipotizzare che i microrganismi siano alla base di molti processi che avvengono nella produzione di cibi e bevande fermentate. Successivamente, Louis Pasteur, considerato il padre della biotecno- logia, con i suoi studi sulla preparazione della birra, sulla fermentazione lattica e butirrica, pone le premesse per i processi fermentativi sfruttati dall’attuale bioindustria, che fa uso di colture pure di microrganismi per la produzione di alimenti, bevande e altri prodotti. Per quanto riguarda invece l’agricoltura, da quando le popolazioni nomadi si sono sedentarizzate, si è manifestata l’esigenza di migliorare la resa dei campi o la qualità degli animali allevati. Ovviamente venivano utilizzate tecniche empiriche che, pur raffinandosi nei secoli, si basavano sempre su tentativi poco scientifici. Gli allevatori non sapevano cosa a- vrebbero ottenuto incrociando forzatamente due razze, e i contadini con i loro innesti provavano a mescolare piante e specie vegetali spesso radi- calmente differenti tra loro. I ricercatori dell’Istituto Max Planck di Colo- nia, in Germania, hanno trovato nella Mezzaluna fertile (l’area medio- rientale, oggi per lo più turca, dove 10-11 mila anni fa è nata l’ agricoltu- ra) del frumento selvatico fossile. I semi di questo frumento, opportuna- mente trattati dai primi agricoltori, hanno dato origine alle diverse varietà coltivate durante l’Età del Bronzo. Si tratta di frumento diploide, cioè con due serie di cromosomi, evidente risultato di una manipolazione ante lit-

Anteprima della Tesi di Monica Cempella

Anteprima della tesi: Il contributo delle biotecnologie avanzate in agricoltura: qualità, sicurezza e mercato degli Organismi Geneticamente Modificati, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Monica Cempella Contatta »

Composta da 268 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3566 click dal 05/11/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.