Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le nuove tecniche e tecnologie in azienda: L’utilizzo della business intelligence per il customer relationship management

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 strategie di produzione su obiettivi in precedenza ritenuti mutuamente esclusivi; - la seconda area riguarda l’organizzazione della produzione e implica un forte orientamento ai processi aziendali, soprattutto a quelli direttamente inseriti nella catena del valore (Porter, 1985) piuttosto alle strutture organizzative; si tratta cioè di riconcettualizzare il sistema produttivo e l’azienda nel suo complesso, coerentemente con i nuovi principi dell’economia della produzione. Pluralità degli obiettivi di prestazione e flessibilità strategica Negli anni’70, i diversi obiettivi di prestazione del sistema produttivo-logistico sono inevitabilmente antitetici. Poiché “non si può essere bravi in tutto”, è necessario definire le priorità alla luce della strategia aziendale e focalizzare di conseguenza la strategia produttiva. Peraltro, tale approccio, sviluppato inizialmente da Skinner (1974) e dalla scuola di Harvard, ha rappresentato il rilancio strategico della produzione: si superava, così, una visione strettamente funzionale della strategia produttiva e logistica, orientata prevalentemente a un unico obiettivo di efficienza statica, per realizzare un forte collegamento con la strategia competitiva, collegamento che consentiva di definire la gerarchia di obiettivi di prestazione da perseguire. Oggi a tale visione, si sta sostituendo l’ipotesi della compatibilità e della complementarietà degli obiettivi di prestazione, cioè del miglioramento congiunto di produttività, qualità, servizio e flessibilità. Tale cambiamento di impostazione viene spesso spiegato in termini di passaggio dall’economia di scala all’economia della flessibilità. La pluralità e la complementarietà degli obiettivi di prestazione da un lato e la rilevanza della flessibilità produttiva dall’altro, richiedono una revisione generalizzata dei criteri consolidati di decisione utilizzati nella progettazione e

Anteprima della Tesi di Diego Carpentiero

Anteprima della tesi: Le nuove tecniche e tecnologie in azienda: L’utilizzo della business intelligence per il customer relationship management, Pagina 15

Diploma di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Diego Carpentiero Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3782 click dal 03/11/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.