Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Turismo responsabile: il Nicaragua e la Regione Centroamericana

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 formulano Agenda 21 per l’industria del turismo: verso uno sviluppo sostenibile. 21 L'Agenda 21 dunque, più in generale, stabilisce dei criteri ai quali dovranno attenersi le politiche dello sviluppo a livello globale, nazionale e locale e fissa alcuni obiettivi di carattere generale da perseguire entro prestabiliti limiti di tempo. La natura democratica della responsabilità degli Enti locali, che sono le realtà principali con le quali interloquire anche per il settore turistico, li rende il punto nevralgico in cui le visioni, i valori e le aspirazioni della comunità possono essere tradotti in progetti, politiche, piani e programmi, e quindi in concrete realizzazioni. L'Agenda 21 Locale 22 riguarda la sostenibilità dello sviluppo e non deve essere vista come una distrazione dal lavoro quotidiano che ognuno esercita; essa si colloca dove il lavoro di ciascuno comincia e finisce ogni giorno. Tutto ciò vale in modo particolare per il turismo che troppo spesso è considerato, da chi lo esercita, il momento per il rilassamento dei valori, quando invece è vita e lavoro per moltissime persone. In questa direzione è molto attiva l’Europa, soprattutto quella comunitaria, dove il turismo rappresenta il 6% del PIL e il 6% dell'occupazione (che sale al 13% se si considerano i settori collegati 23 ). Le stime prevedono che nel 2006 altri 2,5 milioni di occupati si aggiungano ai 18 milioni attuali. L'Europa, pur perdendo negli ultimi 40 anni parte della sua capacità competitiva a vantaggio dei new comers, rimane la meta di destinazione per circa il 60% dei vacanzieri nel mondo. Poiché il numero di vacanzieri aumenta ogni anno in valore assoluto, l'Europa continua a registrare un incremento (tra il 1985 e il 1993 pari al 3,5%) 24 . E' positivo constatare quanto negli ultimi anni sia aumentata la consapevolezza di come l'ambiente, nel suo vario e multiforme significato di elementi naturali, sia diventato un valore intrinseco per le località turistiche. A dimostrazione di questa maturazione continentale scopriamo piacevolmente che l’UE organizza 21 Il documento è in pratica un adeguamento dell’Agenda 21 approvata a Rio de Janeiro, indirizzata al settore turistico, e che stabilisce tra gli altri i seguenti punti: • il turismo deve contribuire alla conservazione, alla protezione e al ripristino degli ecosistemi della terra; • i viaggi e il turismo devono basarsi su modelli di consumo e di produzione sostenibili; • lo sviluppo turistico deve riconoscere e appoggiare l’identità, la cultura e gli interessi delle popolazioni locali. Nel 1996 l’OMT redige un nuovo e più completo documento di adeguamento ad Agenda 21 i cui principali punti sono reperibili nel sito dell’organizzazione ( http://www.world-tourism.org ) sotto il titolo: Turismo, principi base per uno sviluppo sostenibile. 22 L'Agenda 21 Locale è peculiare per varie ragioni: • perché tenta di realizzare quella che possiamo definire "responsabilità globale", sia riducendo il nostro impatto ambientale e gli effetti su comunità lontane, sia condividendo idee ed esperienze con altri, in particolare con i PVS, per aiutarli a minimizzare il loro impatto ambientale; • perché richiede la partecipazione di tutti i settori nella comunità locale e sostiene i processi democratici locali; • perché è più che un semplice "piano verde": è l'integrazione di tematiche ambientali, sociali, economiche e culturali e riguarda la qualità della vita di tutta la popolazione locale. 23 Più avanti nella trattazione verrà affrontato lo spinoso problema riguardante l’identificazione approssimativa del rapporto tra attività turistica e le attività a essa collegate, ciò che più comunemente viene chiamato indotto. 24 Si veda: tab. 1 pag. 45 e tab. 2 pag. 46 in modo da confrontare i dati statistici relativi agli spostamenti turistici globali fino al 2001. (Ci si renderà immediatamente conto della relatività della crescita turistica nei Paesi avanzati se messa a confronto con le vertiginose lievitazioni dello stesso indice riguardante i Paesi in via di sviluppo, nuove frontiere del turismo postmoderno).

Anteprima della Tesi di Matteo Beretta

Anteprima della tesi: Turismo responsabile: il Nicaragua e la Regione Centroamericana, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Matteo Beretta Contatta »

Composta da 234 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3435 click dal 03/11/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.