Skip to content

Turismo responsabile: il Nicaragua e la Regione Centroamericana

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
16 formulano Agenda 21 per l’industria del turismo: verso uno sviluppo sostenibile. 21 L'Agenda 21 dunque, più in generale, stabilisce dei criteri ai quali dovranno attenersi le politiche dello sviluppo a livello globale, nazionale e locale e fissa alcuni obiettivi di carattere generale da perseguire entro prestabiliti limiti di tempo. La natura democratica della responsabilità degli Enti locali, che sono le realtà principali con le quali interloquire anche per il settore turistico, li rende il punto nevralgico in cui le visioni, i valori e le aspirazioni della comunità possono essere tradotti in progetti, politiche, piani e programmi, e quindi in concrete realizzazioni. L'Agenda 21 Locale 22 riguarda la sostenibilità dello sviluppo e non deve essere vista come una distrazione dal lavoro quotidiano che ognuno esercita; essa si colloca dove il lavoro di ciascuno comincia e finisce ogni giorno. Tutto ciò vale in modo particolare per il turismo che troppo spesso è considerato, da chi lo esercita, il momento per il rilassamento dei valori, quando invece è vita e lavoro per moltissime persone. In questa direzione è molto attiva l’Europa, soprattutto quella comunitaria, dove il turismo rappresenta il 6% del PIL e il 6% dell'occupazione (che sale al 13% se si considerano i settori collegati 23 ). Le stime prevedono che nel 2006 altri 2,5 milioni di occupati si aggiungano ai 18 milioni attuali. L'Europa, pur perdendo negli ultimi 40 anni parte della sua capacità competitiva a vantaggio dei new comers, rimane la meta di destinazione per circa il 60% dei vacanzieri nel mondo. Poiché il numero di vacanzieri aumenta ogni anno in valore assoluto, l'Europa continua a registrare un incremento (tra il 1985 e il 1993 pari al 3,5%) 24 . E' positivo constatare quanto negli ultimi anni sia aumentata la consapevolezza di come l'ambiente, nel suo vario e multiforme significato di elementi naturali, sia diventato un valore intrinseco per le località turistiche. A dimostrazione di questa maturazione continentale scopriamo piacevolmente che l’UE organizza 21 Il documento è in pratica un adeguamento dell’Agenda 21 approvata a Rio de Janeiro, indirizzata al settore turistico, e che stabilisce tra gli altri i seguenti punti: • il turismo deve contribuire alla conservazione, alla protezione e al ripristino degli ecosistemi della terra; • i viaggi e il turismo devono basarsi su modelli di consumo e di produzione sostenibili; • lo sviluppo turistico deve riconoscere e appoggiare l’identità, la cultura e gli interessi delle popolazioni locali. Nel 1996 l’OMT redige un nuovo e più completo documento di adeguamento ad Agenda 21 i cui principali punti sono reperibili nel sito dell’organizzazione ( http://www.world-tourism.org ) sotto il titolo: Turismo, principi base per uno sviluppo sostenibile. 22 L'Agenda 21 Locale è peculiare per varie ragioni: • perché tenta di realizzare quella che possiamo definire "responsabilità globale", sia riducendo il nostro impatto ambientale e gli effetti su comunità lontane, sia condividendo idee ed esperienze con altri, in particolare con i PVS, per aiutarli a minimizzare il loro impatto ambientale; • perché richiede la partecipazione di tutti i settori nella comunità locale e sostiene i processi democratici locali; • perché è più che un semplice "piano verde": è l'integrazione di tematiche ambientali, sociali, economiche e culturali e riguarda la qualità della vita di tutta la popolazione locale. 23 Più avanti nella trattazione verrà affrontato lo spinoso problema riguardante l’identificazione approssimativa del rapporto tra attività turistica e le attività a essa collegate, ciò che più comunemente viene chiamato indotto. 24 Si veda: tab. 1 pag. 45 e tab. 2 pag. 46 in modo da confrontare i dati statistici relativi agli spostamenti turistici globali fino al 2001. (Ci si renderà immediatamente conto della relatività della crescita turistica nei Paesi avanzati se messa a confronto con le vertiginose lievitazioni dello stesso indice riguardante i Paesi in via di sviluppo, nuove frontiere del turismo postmoderno).
Anteprima della tesi: Turismo responsabile: il Nicaragua e la Regione Centroamericana, Pagina 14

Preview dalla tesi:

Turismo responsabile: il Nicaragua e la Regione Centroamericana

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Beretta
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Geografia
  Relatore: Francesco Vallerani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 234

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

acra
agenda 21
centroamerica
johannesburg
nicaragua
omt
responsabile
rio de janeiro
sostenibile
turismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi