Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Influenza dei tamponi di fine corsa sul moto di rollio di una vettura Ferrari Challenge

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 IL PNEUMATICO 6 1.2 L’aderenza Come si è visto nel paragrafo precedente, le forze che il pneumatico scambia con il suolo non sono applicate in un punto, ma sono la risultante di azioni distribuite su tutta l’area di contatto, in virtù della deformabilità del pneumatico stesso. La distribuzione delle pressioni sull’area di contatto non è uniforme, si osserva sperimentalmente che essa dipende dal verso di rotazione presentando valori maggiori di pressione nella zona anteriore dell’impronta. L’effetto è che la risultante di tali pressioni non passa per il centro di rotazione della ruota ma è spostata nel senso della direzione di marcia, generando un momento resistente che si oppone al rotolamento. Le forze tangenziali sono esplicabili dal pneumatico grazie all’aderenza che esso offre a contatto con il manto stradale. L’aderenza è data dall’azione combinata di due meccanismi differenti: l’isteresi e l’adesione (Figura 1.2). L’isteresi, detta anche ingranamento, esprime la capacità del pneumatico di deformarsi adattandosi alle irregolarità del manto stradale. Durante tale deformazione il pneumatico segue dei veri e propri cicli di isteresi dissipando energia; questo fenomeno è prevalente alle basse velocità ed in condizioni di asfalto bagnato. L’adesione è data dalle forze di attrazione intermolecolare tra la gomma e l’asfalto; questo meccanismo è prevalente alle alte velocità e su strada asciutta, ma viene meno nel caso di asfalto bagnato. Pertanto, sul bagnato, si preferiscono mescole morbide con isteresi elevata che necessitano di maggiore energia per il rotolamento, ma garantiscono maggiore aderenza.

Anteprima della Tesi di Alessandro Reali

Anteprima della tesi: Influenza dei tamponi di fine corsa sul moto di rollio di una vettura Ferrari Challenge, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Alessandro Reali Contatta »

Composta da 130 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1491 click dal 04/11/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.