Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il lavoro sportivo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

tanto dubitandosi in ordine alla validità descrittiva delle stesse , quanto in funzione meramente della nostra analisi , limitandosi il campo di osservazione alla pratica sportiva svolta nell’ambito delle organizzazioni federali , con finalità agonistiche . Nell’ambito del Capitolo I viene brevemente sunteggiato il caratteristico processo che attraverso la rideclinazione-rottura di pregresse pratiche ludiche , in correlazione con le radicali modificazioni culturali della società ottocentesca ,determina l’affermazione del peculiare modello sportivo agonistico-competitivo; non tralasciando le pur rilevanti diverse applicazioni e funzioni della pratica sportiva ,viene sottolineata la centralità del fenomeno dell’associazionismo sportivo a fini competitivi , tracciandone gli assetti originari e la sua evoluzione nei primi lustri del Novecento. L’analisi dello sviluppo dell’associazionismo sportivo di primo grado ( istituzione di club, associazioni di base) e successivamente di secondo grado ( associazioni di associazioni su scala nazionale ed internazionale) , aldilà del sua intrinseca rilevanza , giova ai fini dell’inquadramento giuridico del fenomeno. Se non altro infatti per coincidenza temporale , infatti le organizzazioni nazionali ed internazionali sportive si pongono come oggetto di verifica ed applicazione delle teorie pluralistico-ordinamentali miranti ad offrire una ricostruzione giuridico-sociologica del fenomeno . Vengono in tal senso analizzate le intuizioni di Cesarini Sforza e soprattutto la riflessione sistematica , in un mutato contesto normativo di riferimento con l’entrata in vigore della L.16 Febbraio 1942 n. 426 “Costituzione ed ordinamento del Comitato Olimpico Nazionale Italiano” , di Massimo Saverio Giannini. Pur non negando la validità di un approccio metodologico mirante a superare il pregiudizio in ordine alla riserva monopolista statuale in relazione alla produzione normativa , si sottolinea la sterilità , sotto il profilo del diritto positivo ,rectius il carattere meramente descrittivo ,di ricostruzioni tendenti ad analizzare l’ordinamento sportivo come fenomeno a sé stante . Il Capitolo 2 in tal senso mira ad analizzare in un ottica prettamente “statualistica” ,ossia valutando le organizzazioni sportive alla luce dei dati normativi IV

Anteprima della Tesi di Domenico Zinnari

Anteprima della tesi: Il lavoro sportivo, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Domenico Zinnari Contatta »

Composta da 727 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4559 click dal 17/11/2004.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.