Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Apocalisse: senso della fine e mondo globale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

costruzione di uno “stato etico” islamico, santo e perfetto; la giustificazione della violenza e del terrore nella lotta contro il Male e per la difesa dell’autentica fede. Oggi, in seguito ai tragici fatti dell’11 settembre e a quelli che si sono succeduti, abbiamo crudamente sperimentato la ferocia e la spietatezza dell’estremismo islamico, constatando la nostra debolezza e fragilità di fronte ad un avversario che sconvolge e distrugge le premesse della nostra normale vita quotidiana, dei nostri rapporti sociali e della nostra convivenza ‘civile’. E’ soprattutto innanzi a questa dura realtà che le angoscianti aspettative rispetto al futuro si colorano di accesi toni apocalittici annuncianti l’imminenza di possibili catastrofi: ancora dunque, profezie, premonizioni o previsioni apocalittiche che non promettono più, però, alcuna speranza di salvezza. E’ divenuto, quindi, quasi inevitabile confrontarsi con le visioni definite “catastrofiste” dei sociologi Ulrich Beck e Zygmunt Bauman. Questi, infatti, analizzano le conseguenze dei processi di globalizzazione, mettendo in evidenza il diffuso senso di precarietà e di indeterminatezza che caratterizza tutte le dimensioni della vita e dell’agire umani. Viviamo in un’era densa di ambivalenze e di crisi profonde che riguardano le sfere più diverse, da quella etica e personale, a quella sociale e politica. La perdita di senso, di identità, di significati, di punti di riferimento comuni e stabili ci immerge in uno stato di confusione, disorientamento ed insicurezza da cui emergono ansie e attese millenaristiche che, se un tempo erano legate ad una valenza religiosa e simbolica, sono oggi strettamente connesse alla vita quotidiana, spogliate di qualsiasi carattere trascendentale; allontanatosi da Dio, il cittadino globale, apparentemente forte e sicuro di sé in un mondo sempre più unito e interdipendente, si sente, in realtà, insicuro, triste, spaventato e profondamente solo. La visione ‘catastrofista’ sostenuta dai due sociologi ci permette di cogliere le peculiarità dell’attuale prospettiva apocalittica, la quale sembra aver mantenuto 8

Anteprima della Tesi di Katiuscia Tiberi

Anteprima della tesi: Apocalisse: senso della fine e mondo globale, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Katiuscia Tiberi Contatta »

Composta da 175 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2493 click dal 04/11/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.