Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

A tavola e a palazzo: i consumi degli Sforza Cesarini nel Settecento

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 Seguendo uno schema proposto da Cipolla nel suo manuale 4 si può distinguere la domanda globale effettiva in: domanda di beni di consumo, domanda di servizi e domanda di beni capitali. Questa suddivisione si incrocia con un’altra che invece distingue la domanda in: domanda interna privata, domanda interna pubblica, domanda estera. L’interesse di Cipolla per la domanda e anche per la sua manifestazione più evidente, il consumo, ha aperto negli anni una strada nuova per le ricerche di storia economica. Lo storico, scomparso di recente, ha innegabilmente contribuito ad un mutamento di rotta nella ricerca storico-economica tendente - soprattutto prima degli anni Settanta – a privilegiare il campo dell’offerta, quindi i settori della produzione e della distribuzione, mentre domanda e consumo venivano considerati quasi conseguenze passive di questi ultimi. Il cambiamento di prospettiva ed il successivo interesse per il settore della domanda hanno tuttavia origini lontane. La storiografia del ventesimo secolo ha ampliato i suoi campi di indagine a cavallo tra le due guerre mondiali; la rivista “Annales d’Histoire Economique et Sociale”, fondata nel 1929 da Lucien Fèbvre e Marc Bloch, nasceva con l’obiettivo di unire la storia e le scienze sociali; si avvertiva l’esigenza di andare oltre la storiografia dei secoli passati, che mirava a descrivere gli avvenimenti, a raccontarli tralasciando quasi totalmente i tentativi di spiegazione. 4 Cipolla, op. cit., p. 39.

Anteprima della Tesi di Marialaura Palumbo

Anteprima della tesi: A tavola e a palazzo: i consumi degli Sforza Cesarini nel Settecento, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Marialaura Palumbo Contatta »

Composta da 182 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2151 click dal 16/11/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.