Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

A tavola e a palazzo: i consumi degli Sforza Cesarini nel Settecento

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 categoria “protetta”, quella dei domestici, che accedeva quotidianamente al consumo proteico. Le fonti hanno permesso di spingere l’osservazione a mondi “speciali” ed isolati. E’ questo il caso delle balie, che ha attratto un interesse specifico nato anche dalle suggestioni storiografiche fornite da recenti studi sulla condizione femminile e la maternità durante l’epoca moderna. L’alimentazione delle balie di casa Sforza Cesarini è stata analizzata in dettaglio riuscendo a mettere in luce come non sussistesse per quelle alcuna regola alimentare vincolata dalla religione. Per questa categoria vigevano regole alimentari proprie motivate dalla loro particolare condizione di nutrici. In questa ottica il consumo non è stato solo quantificato ma si è tentato di connettere la dimensione quantitativa a quella qualitativa con il fine di rintracciare le motivazioni culturali su cui si basavano alcuni consumi alimentari. L’analisi dell’incidenza del vitto nel paniere di spesa degli Sforza Cesarini ha ricordato che, per quanto la tavola e l’alimentazione potessero giocare un ruolo fondamentale nelle dinamiche sociali e familiari, altri erano i consumi che incidevano nel bilancio della famiglia. Alcuni storici, come Paolo Malanima e Maria Antonietta Visceglia, nei loro saggi sull’argomento, hanno classificato queste spese come improduttive, foriere di gravi indebitamenti e dissesti finanziari 3 . Questa analisi è stata accolta tenendo a mente comunque che quelle cosiddette spese improduttive andavano a corroborare la 3 I saggi citati sono: P. Malanima, I Riccardi di Firenze. Una famiglia e un patrimonio nella Toscana dei Medici, Olschki editore, Firenze, 1977; M. A. Visceglia, I consumi in Italia in Età moderna, in Storia dell’economia italiana. II. L’Età moderna: verso la crisi, a cura di Romano, Einaudi, Torino, 1991.

Anteprima della Tesi di Marialaura Palumbo

Anteprima della tesi: A tavola e a palazzo: i consumi degli Sforza Cesarini nel Settecento, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Marialaura Palumbo Contatta »

Composta da 182 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2151 click dal 16/11/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.