Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo della televisione nella produzione e diffusione di musica in Italia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 su Raiuno de Il Concerto Di Capodanno, con i più grandi direttori d’orchestra del mondo a dirigere i Wiener Philarmoniker nello splendido scenario di Vienna. Nella prima parte di questo lavoro affronteremo il modo in cui la televisione diffonde la musica nei programmi prettamente musicali e negli show di varietà o di intrattenimento. Il primo capitolo verterà su una rassegna storica della rappresentazione della musica nella TV generalista con uno sguardo d’assieme sull’offerta di musica nella RAI del monopolio, nel duopolio consolidato RAI-Fininvest e negli ultimi anni dopo l’arrivo di MTV via etere in Italia. Il secondo capitolo sarà invece dedicato alla storia della televisione musicali in Italia, dal tentativo di Videomusic, allo sbarco di MTV fino all’arrivo recentissimo del canale tematico tedesco Viva. Nel terzo capitolo sarà affrontato il fenomeno più importante dal punto di vista del rapporto tra musica e televisione, cioè il Festival di Sanremo, del quale analizzeremo storia, pregi, difetti e virtù propedeutiche in termini di promozione o di lancio di nuovi artisti. Nel quarto capitolo vedremo in cosa consiste l’offerta musicale delle televisione generaliste oggi, analizzando i programmi (musicali e non) della stagione 2001-2002 con un particolare interesse per il Festivalbar, manifestazione estiva che riscuote ogni anno un seguito maggiore di popolarità e di pubblico. Ed infine, nel quinto capitolo, analizzeremo la programmazione delle due reti musicali via etere presenti in Italia, MTV e Viva, mettendo in luce il tipo di programmi messi in onda e l’organizzazione dei propri palinsesti, anche in relazione al target di riferimento (il pubblico giovane) e la vera concorrenza (quella delle radio). Nella seconda parte entreremo più nel dettaglio della video-musica, analizzandone la struttura in un capitolo (il sesto) interamente dedicato al linguaggio dei videoclip ed ai vari gradi di declinazione di un testo audiovisivo apparentemente dalla struttura rigida. Nel settimo capitolo ci addentreremo nelle scelte di una casa discografica, per cercare di capire quale tipo di rapporto i discografici hanno con la televisione, in termini di promozione e di lancio di nuovi talenti e quanto il mezzo televisivo influisce sulle scelte degli addetti ai lavori. Nell’ottavo capitolo assumeremo il punto di vista degli artisti, analizzando il tipo di contributo che la televisione porta a livello creativo, nella scrittura della musica, nella stesura dei testi ed in ultima analisi come fondamentale supporto video durante molte performance live. A questo proposito analizzeremo da

Anteprima della Tesi di Mattia Bragadini

Anteprima della tesi: Il ruolo della televisione nella produzione e diffusione di musica in Italia, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Mattia Bragadini Contatta »

Composta da 195 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9010 click dal 04/11/2004.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.