Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Hyper_Architettura - Spazi nell’età dell’elettronica e dell’informazione. Sovrapposizioni, intrecci, contaminazioni tra reale e virtuale. Un iperpaesaggio alla Fiera di Genova

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Università degli studi di Genova – Facoltà di architettura - DIPARC 9 H Y P E R A R C H I T E T T U R A “Il passaggio dagli atomi ai bit, come io chiamo questa evoluzione, è irreversibile e innarestabile” l’informatica non riguarda più solo il computer è un modo per vivere”. 5 Negroponte è convinto che sarà molto difficile che la produzione di atomi (un maglione o le pietre dell’architettura) possa trasformarsi in produzione di bit, aggiunge però che questo non vuol dire che certe tecnologie possano non servire a produrre, creare, gestire e vendere produzioni basate sugli atomi. Lo scienziato del mit cita Mies Van Der Rhoe affermando che il celebre motto “less is more” (Con meno si può avere di più) si presta molto bene a riassumere i concetti delle nuove tecnologie digitali. “Essere digitali è la patente per crescere”. Non mancano i riferimenti “spaziali: “Gli ipermedia sono un’estensione degli ipertesti, un termine questo, per indicare testi altamente interponessi o informazioni tra loro collegate. … l’idea trae il suo nome da Ted Nelsen e dai sui studi nel 1965. Un libro è uno spazio a 3 dimensioni fisiche, del tutto diverso è il mondo digitale. Lo spazio delle informazioni non è per niente limitato alle tre dimensioni l’espressione di un’idea o una concatenazione di pensieri possono essere dotati di un insieme multidimensionale di puntatori, che consentono ulteriori elaborazioni o sintesi, che potete richiamare o ignorare. La struttura del testo può essere paragonata ad un complesso modello molecolare. Possiamo pensare ad un ipermedia come una raccolta di messaggi elastici che possono essere allungati o ristretti secondo i desideri del lettore. Implicito nel concetto di multimedialità è l’interazione, se essa fosse passiva, allora programmi con didascalie o film con sottotitoli

Anteprima della Tesi di Giacomo Airaldi

Anteprima della tesi: Hyper_Architettura - Spazi nell’età dell’elettronica e dell’informazione. Sovrapposizioni, intrecci, contaminazioni tra reale e virtuale. Un iperpaesaggio alla Fiera di Genova, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Architettura

Autore: Giacomo Airaldi Contatta »

Composta da 516 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6054 click dal 23/12/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.