Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Profili di riorganizzazione del sistema bancario nell'area dell'euro

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Luca DAVINI –Profili di riorganizzazione del sistema bancario nell’area dell’euro 8 aderirono Germania, Italia, Belgio, Francia, Paesi Bassi, Norvegia, Danimarca e Regno Unito con lo scopo di limitare le variazioni dei tassi di cambio. L’adesione e la partecipazione si ridussero tuttavia in breve tempo agli Stati del Benelux, alla Germania e alla Danimarca, pur mantenendo viva l’idea e la pratica di una cooperazione monetaria europea anche nei periodi di massima incertezza. Nel 1973 il Consiglio dei ministri cercò invano di dare una qualche base istituzionale al “serpente” con la creazione del Fondo europeo di cooperazione, una istituzione che rimase tuttavia sempre priva di una qualsivoglia funzione sostanziale. Nel 1975 nasce un altro protagonista delle futura unione monetaria: l’ECU, Unità di conto europea, sotto forma di paniere, composto dalle valute di tutti gli Stati della Comunità. L’ECU è il precursore dell’euro. Nel 1978, su iniziativa del Presidente della Repubblica francese Valery Giscard d’Estaing e del Cancelliere tedesco Helmut Schmidt, nacque il Sistema monetario europeo (SME) con il dichiarato intento di rafforzare la cooperazione europea sui tassi di cambio. Vi parteciparono, oltre agli Stati che avevano già partecipato al serpente monetario, la Francia, l’Italia, l’Irlanda, la Germania, il Belgio, i Paesi Bassi e Danimarca. Il sistema era improntato a un meccanismo di cambio volto a limitare le variazioni di valore di ogni moneta nei confronti di ciascuna altra, prevedendo per ogni coppia di valuta un tasso di cambio di riferimento detto parità centrale, e stabilendo dei margini di oscillazione verso l’alto o verso il basso inferiori al 2,25%. In caso di superamento di questi limiti, ad esempio verso il basso, di una delle due monete, la soluzione consisteva nella vendita della moneta forte e nell’acquisto di quella debole, ad opera delle due

Anteprima della Tesi di Luca Davini

Anteprima della tesi: Profili di riorganizzazione del sistema bancario nell'area dell'euro, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Luca Davini Contatta »

Composta da 273 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2106 click dal 08/11/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.