Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Arbitrato Internazionale Commerciale in Australia: problemi attuali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Arbitrato Commerciale Internazionale in Australia: problemi attuali 10 L’importanza dell’arbitrato commerciale internazionale come meccanismo di risoluzione delle controversie è stata riconosciuta per la prima volta nel 1974 quando il Commonwealth Parliament, con il proposito di ratificare ed adottare la Convenzione di New York del 1958, ha emanato l’Arbitration (Foreign Awards and Agreements) Act con effetto dal 24 Giugno 1975. Inoltre, con un emendamento del 1989 il nome dell’atto è stato modificato in International Arbitration Act, d’ora in poi “IA Act” è stata attribuita forza di legge in Australia alla Legge Modello dell’UNCITRAL 2 . Il IA Act è suddiviso in quattro parti. La Parte I disciplina le questioni preliminari, quali l’ambito territoriale di applicazione, il titolo dell’atto legislativo, ed i rapporti con le convenzioni che regolano il trasporto in mare di beni. La Parte II si occupa di dare effetto alla Convenzione di New York del 1958, mentre la Parte III è dedicata alla Legge Modello. Infine, la Parte IV attribuisce effetto alla Convention on the Settlement of Investments Disputes between States and Nationals of Other States (ICSDI) redatta a Washington nel 1965. Tralasciando la prima parte del IA Act, dato il suo valore introduttivo e preliminare, l’analisi prende il via dalla parte relativa all’adozione della Convenzione di New York del 1958: l’Australia (come l’Italia) non ha proposto nessuna delle due riserve 3 che potevano essere sottoscritte al momento dell’adesione alla Convenzione. Ne consegue che potranno essere riconosciuti in Australia anche lodi emanati in paesi che non sono firmatari. D’altra parte Sir Daryl Dawson ha commentato: “comunque ognuno possa percepire i vantaggi dell’arbitrato rispetto alla litigation (processo ordinario) o viceversa, non vi può essere dubbio che in quei Paesi che hanno aderito alla Convenzione, l’arbitrato dispone di mezzi incomparabilmente migliori per risolvere le dispute di commercio internazionale” 4 . 2 United Nations Commission on International Trade Law. 3 “Convenzione su Riconoscimento ed Esecuzione dei Lodi Arbitrali Stranieri, art. I Sec 3 Riserva 1: I lodi saranno riconosciuti e sarà loro data esecuzione solo se pronunciati nel territorio di un altro Stato parte della Convenzione di New York. Riserva 2: La Convenzione si applica solo a controversie nascenti da rapporti giuridici, sia contrattuali che non, che siano considerati Commerciali secondo la legge nazionale dello Stato. 4 Sir Dawson D., International Commercial Arbitration in Australasia, International Journal of Legal Information, Vol. 28, N. 2, pag. 397:” However one may otherwise perceive the advantages of arbitration over

Anteprima della Tesi di Lorenzo Paiano

Anteprima della tesi: Arbitrato Internazionale Commerciale in Australia: problemi attuali, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Lorenzo Paiano Contatta »

Composta da 281 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2156 click dal 08/11/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.