Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ritmo del ''farsi dire'' in Carmelo Bene

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 Bene sceglie un linguaggio scenico giocato sulla contemplazione che lo conduce sulla strada dell’assoluto e dell’incanto. Rispetto al periodo grottesco, a tutto vantaggio della voce che si fa elemento scenico soverchiante, Bene riduce il numero degli attori, gli oggetti in scena e i movimenti attraverso il palcoscenico, trasformando il copione, così, in una “partitura vocale” , in una sorta di spartito letterario fatto non tanto di significati, quanto piuttosto di significanti pronti per essere sussurrati e urlati, declamati con ritmo a tratti monotono e lento e a tratti rapido e nervoso. Gli spettacoli divengono sinfonie in cui le impennate ritmiche e le urla improvvise si alternano ad altrettanto improvvise decelerazioni che finiscono con il placarsi in un andamento artificiosamente oracolare. Bene porta, con il Manfred, alle estreme conseguenze ciò che era già presente in Romeo e Giulietta , in Riccardo III , in Otello , la cui musicalità interiore intrecciava sottilmente due registri: quello della voce- linguaggio-musica che prendeva corpo sulla partitura diretta della scena, e quello della musica vera e propria contrapposta alle acrobazie vocali dell’“uomo-orchestra” Carmelo Bene. Ecco in Manfred che la voce è pura teatralità parlata. L’Otello segna l’addio di Carmelo Bene al teatro di prosa e in effetti basandosi tutto sulla partitura sonora già entrava nel campo della musica; lo scarno ed essenziale Manfred rovescia imprevedibilmente la situazione e restituisce con una cascata di parole in metrica una serata concertistica al dominio della prosa, anzi del grande

Anteprima della Tesi di Maria Teresa Tinto

Anteprima della tesi: Il ritmo del ''farsi dire'' in Carmelo Bene, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Maria Teresa Tinto Contatta »

Composta da 82 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4525 click dal 08/11/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.