Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il consenso informato nelle ASL della Toscana

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 considerata, tuttavia, lecita dall’ordinamento giuridico, qualora ricorra una causa di giustificazione codificata, in particolare lo stato di necessità ( 29 ); i giudici aggiungono che la finalità terapeutica perseguita dall’operatore sanitario, non vale di per sé a fondare l’esistenza di una causa di giustificazione non prevista dal codice, perché, anche un’operazione chirurgica con esito favorevole, ma non preceduta da un valido consenso, è idonea ad integrare il reato di lesioni. In questo modo, vengono prese le distanze da quella parte della dottrina, facente capo a Grispigni( 30 ), che aveva differenziato la qualificazione penale dell’atto medico privo di consenso, in base all’esito fausto o infausto dello stesso ( 31 ). Viene anche respinta in parte, l’opinione sostenuta da alcuni giuristi ( 32 ), in base alla quale gli atti clinici non consentiti, configurano il delitto di violenza privata ( 33 ), perché tale fattispecie di reato è limitata all’eventualità che l’atto medico non comporti alcuna lesione, il che appare ben difficile, proprio per la natura stessa degli interventi chirurgici. In base a tali principi, la giurisprudenza più recente ha affermato che i trattamenti clinici, eseguiti senza il consenso del malato ed in assenza di cause di giustificazione codificate, integrano il reato di lesioni volontarie, e se da essi consegue la morte della persona, quello di omicidio preterintenzionale ( 34 ). Pertanto, il consenso informato è l’espressione del diritto di ogni uomo di compiere una scelta relativa al proprio corpo e alla propria persona, sia sul tipo di terapia a cui sottoporsi, sia sull’eventualità di rifiutare le cure. Le sentenze sul ‘Caso Massimo’ sono importanti anche perché non rappresentano delle pronunce isolate: infatti si inseriscono in un quadro di decisioni delle più alte magistrature, che hanno, come denominatore comune, da un lato, il progressivo ( 29 ) Art.54 c.p. “Non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di salvare sé o altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona, pericolo da lui non volontariamente causato, né altrimenti evitabile, sempre che il fatto sia proporzionato al pericolo.” ( 30 ) F. Grispigni, La responsabilità penale per il trattamento medico-chirurgico, cit. p.24. ( 31 ) D. Rodriguez, nota a sentenza Corte di Cassazione 13 maggio 1992, n.5639, in “Rivista italiana di Medicina Legale”, 1993, p.460. ( 32 ) F. Aragona, Medicina legale e delle Assicurazioni, Ed. Ermes, Milano, 1992, p.71. A. Franchini, Medicina legale, Cedam, Padova, 1985, p.106 C. Gerin, F. Antoniotti, S. Merli, Medicina legale e delle Assicurazioni, Ed. Universo, Roma, 1991, p.401. ( 33 ) Art.610 c.p. “Chiunque, con violenza o minaccia costringe altri a fare, tollerare od omettere qualche cosa è punito con la reclusione fino a quattro anni.” ( 34 ) G. Passacantando, Informazione e consenso e i suoi riflessi sulla responsabilità penale del medico, in “Rivista italiana di Medicina legale”, 1999, vol. I, p.785.

Anteprima della Tesi di Sara Falchetti

Anteprima della tesi: Il consenso informato nelle ASL della Toscana, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Sara Falchetti Contatta »

Composta da 179 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4798 click dal 15/11/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.