Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La crisi irachena dell'aprile-maggio 1941 nella politica della Seconda Guerra Mondiale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 L’atteggiamento tedesco nei confronti del nazionalismo arabo era, in larga misura, un atteggiamento di indifferenza. 13 Indifferenza, comunque, non significa avversione; questo bastò per nutrire le speranze di Rashid Alì el-Gailani, del Gran Muftì di Gerusalemme e dei loro seguaci. 14 Dalla fine di marzo del 1940 Rashid Alì aveva sostituito Nuri as-Said alla guida del governo iracheno; era stato un acceso oppositore del trattato del 1930; rispetto al suo predecessore, che pure era un nazionalista pan-arabo, si mostrava molto meno disposto alla collaborazione con i britannici. 15 Haji amin el- Husseini, Gran Muftì di Gerusalemme, era giunto a Baghdad nel 1939, proveniente da Beirut, due anni dopo il suo primo esilio da Gerusalemme alla capitale libanese; era la figura più carismatica all’interno del movimento per l’indipendenza araba, ed il suo arrivo nella capitale irachena contribuì a rendere quest’ultima il capoluogo dell’attivismo pan-arabo. 16 Costoro presero contatto con l’Asse a più riprese, soprattutto attraverso l’ambasciatore italiano a Baghdad, Luigi Gabrielli, e quello tedesco ad Ankara, Franz von Papen; si attendevano che i nemici della Gran Bretagna prendessero una posizione più decisa a favore del nazionalismo arabo. 13 Già in “Mein Kampf” è possibile rilevare lo scetticismo di Hitler di fronte ai movimenti di liberazione nazionale dei “popoli oppressi” (cfr. Adolf Hitler, “Mein Kampf”, Varese, La Lucciola, 1991, pp. 232-234). 14 Cfr. Geoffrey Warner, op. cit., p. 42. 15 Cfr. ibidem, p. 36. 16 Cfr. Raghid el-Solh, “Britain’s Two Wars with Iraq. 1941, 1991”, Reading (Berkshire, UK), Garnet, 1996, pp. 79-81.

Anteprima della Tesi di Davide Negri

Anteprima della tesi: La crisi irachena dell'aprile-maggio 1941 nella politica della Seconda Guerra Mondiale, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Davide Negri Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 764 click dal 09/11/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.