Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Forme gestionali e meccanismi istituzionali nella prestazione di servizi museali: l'esperienza di Palazzo Reale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 1.1.4 La legge istitutiva del biglietto d’ingresso ai musei (Legge 25 Marzo 1997, n. 78) Un’ulteriore tappa del percorso innovativo avviato dalla Ronchey è stata segnata dalla soppressione della tassa d’ingresso per l’accesso a monumenti, musei, gallerie e scavi archeologici, ad opera di Walter Veltroni, con la Legge 25 Marzo 1997, n. 78. La tassa d’ingresso era stata introdotta nel 1885 da Ruggero Bonghi, in verità noto per provvedimenti ben più significativi quali l’istituzione della “Direzione centrale degli scavi e musei del Regno”, la creazione della “Giunta di archeologia e belle arti” e, infine, la riorganizzazione della struttura scientifica e amministrativa preposta alla tutela del patrimonio. Alla tassa d’ingresso faceva già riferimento la legge 2554 del 1875, un provvedimento innovativo per l’epoca, dato che prevedeva già alcune categorie di pubblico esenti, l’ingresso gratuito in alcuni giorni della settimana, abbonamenti annuali o mensili riservati ai residenti, anche “cumulativi” 11 . La legge 25 Marzo 1997, n. 78, introducendo il biglietto di ingresso (a beneficio del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali), la prevendita e quindi la programmazione delle visite, ha permesso finalmente di risolvere il problema delle code all’ingresso dei musei più frequentati o nei periodo di maggiore afflusso. Con l’abolizione della tassa d’ingresso i proventi dalla vendita dei biglietti sono stati finalmente restituiti al Ministero competente, mentre prima erano a beneficio del Ministero delle Finanze. Il Regolamento di attuazione della legge (Decreto Ministeriale dell’11 dicembre 1997, n. 507) stabilisce le norme per la distribuzione e vendita dei biglietti dei musei e delle aree archeologiche statali. Tale Regolamento è di poco posteriore alla legge 8 ottobre 1997, n. 352 che conferisce autonomia scientifica, organizzativa e finanziaria alla Soprintendenza archeologica di Pompei. I due provvedimenti sono in evidente contraddizione tra loro. Infatti, la legge istitutiva del biglietto di ingresso affida alla Direzione Generale del Ministero il controllo 11 Cfr. D. Jalla, Il Museo contemporaneo, UTET, Torino, 2000, citato in R. Cappelli, Politiche e poietiche per l’arte, Electa, Milano, 2002, pag. 83

Anteprima della Tesi di Anna Chiara Pisu

Anteprima della tesi: Forme gestionali e meccanismi istituzionali nella prestazione di servizi museali: l'esperienza di Palazzo Reale, Pagina 13

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della comunicazione e dello spettacolo

Autore: Anna Chiara Pisu Contatta »

Composta da 140 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1934 click dal 10/11/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.