Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Forme gestionali e meccanismi istituzionali nella prestazione di servizi museali: l'esperienza di Palazzo Reale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 gestione di spazi commerciali per la vendita di guide, cartoline e altri prodotti editoriali presso i musei e le aree archeologiche di proprietà dello Stato 2 . Tale convenzione prevedeva che l’Istituto mettesse a frutto la sua consolidata esperienza in materia di beni culturali attraverso la realizzazione di prodotti editoriali didattici e divulgativi. Tale collaborazione si concretizzò, a un anno dalla stipula del contratto, nella pubblicazione di una nuova collana di Itinerari, sulla scia della storica collana degli Itinerari dei musei, gallerie e monumenti d’Italia, comprendente oltre cento titoli. Nonostante la ventata di novità introdotta dalla convenzione, il Ministero per i Beni Culturali e Ambientali non beneficiava di maggiori entrate e rimaneva di fatto escluso dalle attività svolte. A causa del difficile rapporto tra i due Ministeri (quello delle Finanze e quello per i Beni Culturali e Ambientali), i primi punti vendita all’intero dei musei statali furono inaugurati solo nel 1990, a tre anni dalla convenzione, con un notevole ritardo rispetto alle previsioni. Nello stesso anno, in occasione della VI settimana per i beni culturali, fu approvato il Documento Finale della prima Conferenza nazionale dei Musei. All’art. 6, il documento anticipava la possibilità di affidare a soggetti privati “i servizi di supporto quali la biglietteria, il guardaroba, i punti vendita e di ristoro, compiti di promozione di iniziative culturali di volta in volta individuati e, in prospettiva, anche le funzioni di custodia e di guardiania, valorizzando le forze del volontariato attraverso apposite forme di convenzionamento” 3 . 2 F. Fontecedro, I punti vendita e le pubblicazioni dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, in “Ministero per i Beni Culturali e Ambientali, Notiziario dell’Ufficio Studi”, VIII, 42-43, 1993, pp. 63-64, citato in R. Cappelli, Politiche e poietiche per l’arte, Electa, Milano, 2002 3 Citato in R. Cappelli, Politiche e poietiche per l’arte, Electa, Milano, 2002, pag. 48

Anteprima della Tesi di Anna Chiara Pisu

Anteprima della tesi: Forme gestionali e meccanismi istituzionali nella prestazione di servizi museali: l'esperienza di Palazzo Reale, Pagina 5

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della comunicazione e dello spettacolo

Autore: Anna Chiara Pisu Contatta »

Composta da 140 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1934 click dal 10/11/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.