Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Letteratura e politica: il dibattito intellettuale nella Germania della ''svolta''

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 La maggior parte degli autori che popola allora la DDR, infatti, non solo non sono scrittori dediti ad una letteratura di puro intrattenimento, ma, già prima dell’avvento al potere di Hitler o durante il periodo d’esilio, hanno deciso di dedicarsi a una cultura impegnata, che non sia solamente uno svago per il lettore, ma anche il punto di partenza per una riflessione politica e sociale. Sono i primi a denunciare i crimini del nazismo e a cercare di ristabilire un rapporto di fiducia con la popolazione e perciò la loro pretesa di avere voce in capitolo nella formazione della Germania è più che comprensibile 26 . Alla cultura, e agli uomini che la rappresentano, vengono subito assegnati compiti importanti che avrebbero dovuto aiutare la trasformazione socialista della società avviata dalla SED. E' subito chiaro che anche discipline come la letteratura e l’arte rientrino nelle pianificazioni strutturate dal partito proprio come nel modello sovietico. Esse devono esaltare la produzione della Arbeiterklasse e stimolare il lavoro materiale, come si evince da una risoluzione della prima Parteikonferenz (conferenza di partito) della SED nel 1949 27 . Tale tendenza viene ribadita in maniera ancora più netta nel terzo congresso della SED che si svolge nel luglio del 1950 e che assegna alla cultura un ruolo ancora più propagandistico: “La nuova cultura democratica tedesca aiuterà l’intero popolo lavoratore a battere la strada della pace, dell’evoluzione progressista e dell’unità democratica della Germania, darà in questa lotta ai lavoratori entusiasmo, coraggio e ottimistica fiducia” 28 . 26 Cfr. W. Mittenzwei, op. cit., pp. 86-88 27 Cfr. W. Emmerich, op. cit., p. 115. 28 Dalla risoluzione del III congresso della SED del 20 – 24 luglio 1950, in DDR. Dokumente zur Geschichte der Deutscher Demokratischer Republik 1945 – 1985, a cura di H. Weber, München, Deutscher Taschenbuch Verlag, 1986, pp. 176 – 177.

Anteprima della Tesi di Riccardo Tulli

Anteprima della tesi: Letteratura e politica: il dibattito intellettuale nella Germania della ''svolta'', Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Riccardo Tulli Contatta »

Composta da 162 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2976 click dal 10/11/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.