Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Letteratura e politica: il dibattito intellettuale nella Germania della ''svolta''

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 Non sembra analizzato appieno l’atteggiamento adottato dalla classe intellettuale in quegli anni tanto significativi quanto confusi per i tedeschi. In questa tesi ho tentato pertanto di illustrare quanto ambiguo, contraddittorio e al tempo stesso rilevante sia stato l’apporto fornito da una gran parte dell’intellighenzia della DDR alla svolta rivoluzionaria. Per affrontare un tema così complesso ho ritenuto necessario un excursus che ripercorresse i rapporti tra il potere e gli intellettuali nello stato socialista a partire dalla sua fondazione. E’ questo per l’appunto l’obiettivo della prima parte del presente lavoro: cercare di capire innanzitutto per quale motivo sia importante parlare degli intellettuali e delle loro azioni. Il ruolo che ricoprivano all’interno dello stato non era, infatti, di mero intrattenimento, ma piuttosto una funzione fondamentale nello sviluppo dell’ideale socialista: tradurre al popolo delle idee altrimenti di difficile comprensione. Questo ruolo ha naturalmente riservato agli autori doveri ma anche Privilegien, quei privilegi per i quali molti di loro non avvertivano l’esigenza di un cambiamento radicale o che semplicemente “li rendevano pazienti nei confronti delle carenze in cui migliaia si trovavano” 1 . Ciò non significa che l’idillio tra classe culturale e politici sia stato sempre continuo, tutt’altro. Non sono mancati tentativi di opposizione e critiche al regime. Lo scarsissimo spazio destinato al dibattito interno invoglia però molti intellettuali più alla fuga che a una opposizione interna. Quaranta anni densi di importanti eventi storici, dalla protesta operaia di Berlino Est nel 1953 al crollo del muro, passando per i movimenti del 1968, fanno da cornice alle tormentate vicende degli intellettuali all’interno della Germania 1 B. Brecht, Werke, cit. in W. Mittenzwei, Die Intellektuellen. Literatur und Politik in Ostdeutschland 1945 – 2000, Leipzig, Faber & Faber, 2001, p. 79.

Anteprima della Tesi di Riccardo Tulli

Anteprima della tesi: Letteratura e politica: il dibattito intellettuale nella Germania della ''svolta'', Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Riccardo Tulli Contatta »

Composta da 162 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2976 click dal 10/11/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.