Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Letteratura e politica: il dibattito intellettuale nella Germania della ''svolta''

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 continuano a regnare la paura e la sfiducia nei confronti della classe intellettuale 5 , mentre ad oriente “sono forti il desiderio di mettere la parola fine ai propri legami con il nazionalsocialismo e con una guerra assassina e la volontà di schierarsi in una Antifaschistische Front, un fronte antifascista, per entrare a far parte dei vincitori della storia” 6 . La costruzione di tale Front ha inizio poche settimane dopo la fine della guerra e vede come protagonista il cosiddetto Gruppo Pieck 7 , con il quale torna in patria anche lo scrittore Johannes R. Becher, al quale viene affidato il compito di “annientare il fascismo sul piano politico e morale 8 ” e di provvedere ad una rinascita culturale in Germania. Uno dei primi problemi che è costretto ad affrontare è proprio la possibile spaccatura nel mondo intellettuale tra coloro che erano rimasti e coloro che avevano invece scelto di andare via. Becher è molto abile ad evitare il sorgere di tensioni tra le due parti e con l’istituzione di un Kulturbund zur demokratischen Erneurung Deutschlands (Unione culturale per il rinnovamento democratico della Germania), del quale è cofondatore e Presidente, riesce a creare un forum di discussione e confronto per scrittori e artisti. La costituzione di tale Kulturbund rende chiaro come allora per i tedeschi fosse difficile agire sul piano politico dopo la sconfitta nella guerra e come si dovesse dunque cercare di dialogare con altri mezzi, in particolare attraverso la cultura e le persone legate ad essa 9 . 5 Cfr. H. Mayer, op. cit., p. 188. 6 W. Emmerich, Kleine Literaturgeschichte der DDR, Berlin, Aufbau Verlag, 2000, p. 71. 7 Wilhelm Pieck (1876 – 1960), cofondatore del KPD, si rifugia in Unione sovietica dove mette a punto, d’accordo con il regime sovietico, piani per la liberazione della Germania. Torna in Germania una volta concluso il conflitto per ricoprire ruoli di primo piano nella costruzione della DDR, di cui diviene il primo presidente nel 1949 fino al 1960. 8 W. Mittenzwei, op. cit., pp. 23 – 24. 9 Cfr. Ivi, p. 26.

Anteprima della Tesi di Riccardo Tulli

Anteprima della tesi: Letteratura e politica: il dibattito intellettuale nella Germania della ''svolta'', Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Riccardo Tulli Contatta »

Composta da 162 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2976 click dal 10/11/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.