Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fondazioni per l'arte contemporanea: verso la definizione di un modello gestionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 artisti, archiviare per promuovere è un‘attività che da tempo l’Associazione di Viafarini a Milano si è imposta già dalla fine degli anni ’80. All’interno del programma è annesso il più ampio progetto di Italian Area: un database, consultabile via on line, in cui vengono inseriti dati e opere dei giovani artisti che possono promuovere se stessi mettendo a disposizione dati nel web consultabili in sede dal pubblico ma anche da critici, galleristi e curatori. L’associazione sta abbracciando l’interesse di istituzioni che, come nel caso della Fondazione Bevilacqua La Masa integra il database con un proprio archivio di giovani artisti locali. Risulta fondamentale come dispositivo di promozione dei piccoli e grandi centri di arte contemporanea creare sinergie e contatti non soltanto con il territorio locale, imprese, ma con altri centri nazionali, grandi istituzioni e musei stranieri, con i quali creare collaborazioni per far itinerare mostre, essere pronti a diffondere ciò che è passato nella realtà di una metropoli in un circuito diverso. “Occorre pensare ai musei italiani come grandi musei internazionali. La carenza di istituzioni pubbliche dedicate alla cultura contemporanea in Italia, ha generato una grande confusione di ruoli. Per troppo tempo, si è affidato alle gallerie private il compito di promuovere i movimenti artistici più recenti.” 7 7 Intervista rilascita da Salvatore Lacagnina, direttore della Galleria Civica d’Arte Contemporanea Montevergini di Siracusa a I Love Museum, l’editoriale dell’Asociazione A.M.A.C.I.

Anteprima della Tesi di Barbara Martorelli

Anteprima della tesi: Fondazioni per l'arte contemporanea: verso la definizione di un modello gestionale, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Barbara Martorelli Contatta »

Composta da 199 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7764 click dal 02/12/2004.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.