Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fondazioni per l'arte contemporanea: verso la definizione di un modello gestionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 I. 3. I luoghi privati del contemporaneo: gallerie, collezioni private Accanto alla realtà museale istituzionale pubblica, non si può non considerare l’importante ruolo che riveste tutta la sfera del privato nel sistema dell’arte contemporanea. Il mercato dell’arte trova, infatti, un terreno molto fertile nelle gallerie, nelle attività di compravendita di piccoli e grandi collezionisti privati, nelle aziende che decidono di investire e approfittare degli incentivi di defiscalizzazione e soprattutto l’intensa attività delle gallerie d’arte, più di due mila soltanto nel nostro paese. Queste ultime rappresentano, senza alcun dubbio, la struttura cardine del mercato dell’arte, a esse si deve il merito non solo di tener vivo e dinamico il sistema artistico, ma anche un ruolo storico che non sempre gli è stato riconosciuto 8 : esse hanno spesso riconosciuto con anticipo la validità di artisti innovativi, per la necessità di operare scelte mirate e convincere i compratori a investire sulle opere di giovani artisti promettenti. Il contesto in cui l’artista si trova ad esporre presenta un’indubbia finalità commerciale, le opere vengono commissionate e comprate dal gallerista che ne acquisisce i diritti e il possesso materiale. Occorre ricordare che le scelte di una galleria vengono operate fondamentalmente in funzione della clientela a cui sanno di rivolgersi, una clientela pronta ad accettare le nuove tendenze. Il collezionista e il ricco mecenate hanno rappresentato in tutta la storia dell’arte, il motore di molta produzione artistica, essi finanziano economicamente opere di artisti ancora prima di vederne la realizzazione, artisti di cui riconoscono le potenzialità, collezionisti onnivori o più fedeli a una corrente, a un periodo, a una tecnica. Essi si avvalgono o di fiuto e intuizioni personali o si fanno guidare da 8 Cfr Alberto Fiz, Investire in arte contemporanea, Franco Angeli, Milano 1995

Anteprima della Tesi di Barbara Martorelli

Anteprima della tesi: Fondazioni per l'arte contemporanea: verso la definizione di un modello gestionale, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Barbara Martorelli Contatta »

Composta da 199 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7764 click dal 02/12/2004.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.