Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fondazioni per l'arte contemporanea: verso la definizione di un modello gestionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 cattedrali” 1 . Le strategie culturali e commerciali sono indubbiamente mutate, si sono assunti tempi sempre più rapidi di rinnovamento dei momenti artistici, tempi sempre più brevi nella valorizzazione: una delle ragioni è la snellezza con cui oggi si muovono le istituzioni che organizzano mostre. In Italia questa crescita si sta verificando solo ora, potremmo dire negli ultimi cinque-dieci anni, nonostante l’affermazione e il riconoscimento a livello internazionale di artisti stabilitisi all’estero o operanti in Italia e movimenti di avanguardia come l’Arte Povera o la Transavanguardia. Il nostro Paese ha sempre trovato un’evidente difficoltà nell’affermare la propria identità e potenzialità nell’ambito dell’arte contemporanea. Sembrerebbe entrato nell’ambito dei luoghi comuni, eppure il nostro paese, all’interno della panoramica internazionale, ha sempre, forse troppo, insistito sul profondo dibattito: conservare il passato o investire sul nuovo. “Disponibile a museificare il proprio passato, a conservare e restaurare il gigantesco patrimonio culturale e artistico nazionale, certa di poter mantenere centralità e potere simbolico grazie alla grandezza indiscutibile della propria trascorsa civiltà, scenario impareggiabile di investimenti e speculazioni, l’Italia, travolta e trasformata, dalla contemporaneità, non ha saputo riconoscere e difendere l’arte espressa dalle nuove generazioni” 2 . Questa l’accusa che il critico Sergio Risaliti muove al sistema artistico italiano, sottolineando più volte l’inadeguatezza che il nostro paese ha sempre dimostrato nell’accogliere le nuove tendenze e i cambiamenti, accusandola di essere rimasta “spettatrice” passiva di un sistema internazionale in crescita. 1 F. Poli, Il sistema dell’arte contemporanea, Editori Laterza, Roma 1999. 2 L’arte oggi in Italia di Sergio Risaliti da Espresso. Arte oggi in Italia, un progetto di Sergio Risaliti, Electa, Milano, 2000.

Anteprima della Tesi di Barbara Martorelli

Anteprima della tesi: Fondazioni per l'arte contemporanea: verso la definizione di un modello gestionale, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Barbara Martorelli Contatta »

Composta da 199 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7764 click dal 02/12/2004.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.