Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il contributo dei distretti industriali nello sviluppo economico italiano. Il caso del distretto tessile di Prato

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 Un’analoga interpretazione, tra l’altro, ci viene suggerita anche da uno dei più autorevoli ricercatori in materia, e cioè da Gianfranco Viesti, il quale utilizza la terminologia di distretto per indicare “tutti i casi in cui determinate produzioni si concentrano in determinati luoghi, generando economie esterne” 1 . Ma un passo successivo, utile all’identificazione del fenomeno, viene fatto da altri tre autori: Pyke, Sengenberger e Becattini (quest’ultimo considerato, a ragione, uno dei massimi esponenti della causa distrettuale e autori di numerosi trattati a riguardo), secondo i quali i distretti industriali “sono sistemi produttivi geograficamente definiti, caratterizzati da un alto numero di imprese impegnate in diversi stadi e in modi diversi nella produzione di un prodotto omogeneo” 2 . Ecco, che si cominciano così a delineare più chiaramente i contorni che ruotano attorno alla nostra trattazione; in particolare, aggiungiamo al nostro “puzzle” un nuovo tassello relativo all’elemento della specializzazione per fasi o prodotti dell’intero processo produttivo. Ma, addentrandosi nella letteratura economica, si possono riscontrare decine e decine di osservazioni a riguardo; quel che però ci serve è qualche elemento “identificativo”, capace di assegnare al distretto una sua impronta propria. Si scopre così, che nel distretto industriale vi è una divisione del lavoro tra molti operatori specializzati, in genere piccole o piccolissime imprese, che viene mediata non da qualche grande azienda, ma dalla comune impronta culturale e da un forte senso di appartenenza. Potremo così intendere i distretti come: “entità socio-economiche-territoriali caratterizzate dalla compresenza in una stessa località di un gran numero di imprese specializzate (in una o poche fasi del processo economico-produttivo di un’industria) e di una comunità di persone che ha interiorizzato un sistema di valori e di regole di comportamento che favoriscono la concorrenza e la 1 Cfr: Come nascono i distretti industriali; G.Viesti, Laterza 2000. 2 Cfr: Distretti industriali e cooperazione tra imprese in Italia: F.Pyke,G.Becattini,W.Sengenberger, Banca Toscana 1991

Anteprima della Tesi di Antonio Trotta

Anteprima della tesi: Il contributo dei distretti industriali nello sviluppo economico italiano. Il caso del distretto tessile di Prato, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Antonio Trotta Contatta »

Composta da 213 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8088 click dal 02/03/2005.

 

Consultata integralmente 72 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.